Pallavolo Sirio Perugia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Pallavolo Sirio Perugia
Pallavolo Volleyball (indoor) pictogram.svg
Logo Sirio Perugia.png
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Trasferta
Nome sponsorizzato Despar Colussi Perugia
Colori sociali 600px Bianco Rosso Blu e Bianco.png Bianco, rosso e blu
Dati societari
Città Perugia
Paese Italia Italia
Confederazione CEV
Federazione FIPAV
Fondazione 1970
Presidente Alfonso Orabona
Allenatore Zoran Terzić
Palazzetto PalaEvangelisti
(3.800 posti)
Sito web www.sirioperugia.com
Palmarès
Scudetto.svgScudetto.svgScudetto.svgCoccarda Italia.svgCoccarda Italia.svgCoccarda Italia.svgCoccarda Italia.svgCoccarda Italia.svgSupercoppa italiana di pallavolo maschile.svgShield of the European Union.svgShield of the European Union.svgCoppa CEV trophy.svgChallenge Cup trophy.svgChallenge Cup trophy.svg
Scudetti 3
Trofei nazionali 5 Coppa Italia
1 Supercoppa italiana
1 Coppa di Lega
Trofei internazionali 2 Coppa dei Campioni/Champions League
1 Coppa delle Coppe/Coppa CEV
2 Coppa CEV/Challenge Cup
Si invita a seguire le direttive del Progetto Pallavolo

La Pallavolo Sirio Perugia è stata la principale società di pallavolo femminile della città di Perugia.

È diventata una delle squadre più importanti sia a livello nazionale che internazionale. Ha un importante settore giovanile dal quale sono usciti molti talenti.

Il 29 giugno 2011 la società annuncia la propria rinuncia ad iscriversi al campionato femminile di serie A1 2011-12 non essendo riuscita a trovare la somma di 200.000 euro che le avrebbe garantito la copertura delle obbligazioni, scomparendo così dalla massima serie italiana[1].

Storia[modifica | modifica sorgente]

La Pallavolo Sirio Perugia nasce nel 1970 in una parrocchia della città; il fondatore è Padre Aldo Falini. Dopo un decennio d'impegno la Sirio arriva in serie B, attirando l'attenzione dei perugini che incominciano ad appassionarsi a questo sport; insieme ai tifosi arrivano anche gli sponsor che insieme a dirigenti competenti permettono di formare squadre sempre migliori.
Il 1989 è l'anno della promozione in A1; da allora la Sirio diventa una delle squadre più importanti d'Italia, giocando campionati sempre in testa, ma la società perugina perde per due volte consecutive la finale-scudetto. Nel 1992 arriva il primo trofeo: la Coppa Italia.
Arrivano anche le partecipazioni alle competizioni europee e la società diventa una delle più importanti d'Europa, nonostante, anche qui, non riesca a vincere alcuna competizione.
Parentesi negativa nel 1995 con la retrocessione in A2, chiusa l'anno successivo con il ritorno immediato in A1. Ma nel 1999 la Sirio ricomincia a vincere: Coppa Italia; nel 2000 primo successo europeo in Coppa delle Coppe, mentre in campionato ottiene sempre piazzamenti alle spalle delle squadre vincitrici. Nel 2003 arriva finalmente il primo Scudetto accompagnato da un'altra Coppa Italia; grazie alla vittoria in campionato nella stagione 2003-04 disputa la Champions League che la vedrà sconfitta in finale a Tenerife. La stagione 2004-05 è quella del grande slam: Scudetto, Coppa Italia, Coppa CEV. Il 2006 si rivela come un anno d'oro per la società perugina: nonostante abbia perso alcune sue pedine importanti (la forte cubana Taismary Agüero, finita all'Asystel Novara e la centrale della nazionale Simona Gioli, in "dolce attesa"), la formazione allenata da Massimo Barbolini sale, il 19 marzo 2006, sul tetto d'Europa sconfiggendo a Cannes per 3-1 il Racing Club de Cannes e conquistando la Champions League. Nell'anno 2011 per la prima volta in 20 anni, per via dei fondi incompleti non si è iscritta al campionato, però continuando a pensare al settore giovanile, carico di nuove promesse.

Cronistoria[modifica | modifica sorgente]

Cronistoria della Pallavolo Sirio Perugia
  • 1970 - Fondazione della Pallavolo Sirio Perugia

  • 1983-84 - 4^ nel Girone L della Serie B
  • 1984-85 - 4^ nel Girone L della Serie B
  • 1985-86 - 5^ nel Girone E della Serie B
  • 1986-87 - 1^ nel Girone D della Serie B. Promossa in Serie A2
  • 1987-88 - 3^ nel Girone B della Serie A2
  • 1988-89 - 1^ nel Girone B della Serie A2. Promossa in Serie A1
  • 1989-90 - 12^ in Serie A1

  • 1990-91 - 1^ in Serie A1. Sconfitta in finale-scudetto dal Messaggero Ravenna
  • 1991-92 - Vince la Coccarda Coppa Italia.svg Coppa Italia. 1^ in Serie A1. Sconfitta in finale-scudetto dalla Calia Salotti Matera
  • 1992-93 - 8^ in Serie A1.
  • 1993-94 - 9^ in Serie A1.
  • 1994-95 - 12^ in Serie A1. Retrocessa in Serie A2
  • 1995-96 - 3^ in Serie A2. Promossa in Serie A1
  • 1996-97 - 7^ in Serie A1
  • 1997-98 - 7^ in Serie A1
  • 1998-99 - Vince la Coccarda Coppa Italia.svg Coppa Italia. 4^ in Serie A1
  • 1999-00 - Vince la Coppa delle Coppe. 4^ in Serie A1

  • 2000-01 - 6^ in Serie A1
  • 2001-02 - 4^ in Serie A1. Eliminata in semifinale dalla Foppapedretti Bergamo
  • 2002-03 - Scudetto.svg Campione d'Italia. 1^ in Serie A1. Vince la Coccarda Coppa Italia.svg Coppa Italia
  • 2003-04 - 4^ in Serie A1. Eliminata ai quarti dalla Monte Schiavo Banca Marche Jesi. Perde la finale di Champions League contro il Tenerife Marichal
  • 2004-05 - Scudetto.svg Campione d'Italia. 2^ in Serie A1. Vince la Coccarda Coppa Italia.svg Coppa Italia. Vince la Coppa CEV
  • 2005-06 - Shield of the European Union.svg Campione d'Europa. 4^ in Serie A1. Eliminata ai quarti dalla Monte Schiavo Banca Marche Jesi. Vince la Coppa di Lega
  • 2006-07 - Scudetto.svg Campione d'Italia. 5^ in Serie A1. Vince la Coccarda Coppa Italia.svg Coppa Italia. Vince la Coppa CEV. Vince la Supercoppa Italiana.
  • 2007-08 - Shield of the European Union.svg Campione d'Europa. 3^ in Serie A1. Sconfitta in finale-scudetto dalla Scavolini Pesaro
  • 2008-09 - 6^ in Serie A1. Eliminata ai quarti dalla Foppapedretti Bergamo
  • 2009-10 - 6^ in Serie A1. Eliminata ai quarti dalla Foppapedretti Bergamo

  • 2010-11 - 10^ in Serie A1. Eliminata ai quarti dalla Foppapedretti Bergamo
  • 2011 - Non si iscrive al campionato di serie A1

Rosa dell'ultima stagione in Serie A1[modifica | modifica sorgente]

Despar Perugia 2010-11
Allenatore: Zoran Terzić
Nome Naz. sport. Nome Naz. sport.
Palleggiatori
14 Cinzia Callegaro Italia Italia
Centrali
4 Manuela Leggeri Italia Italia 13 Kseniya Ihnatsiuk Italia Italia
17 Lucia Paraja Spagna Spagna
Schiacciatori-laterali
2 Annamaria Quaranta Italia Italia 6 Ivana Luković Serbia Serbia
Simona Rinieri Italia Italia 12 Veronica Angeloni Italia Italia
Opposti
Liberi
8 Beatrice Sacco Italia Italia 9 Chiara Arcangeli Italia Italia
Note:

Volleyball Half Court.png

1
# Luković
4
# Leggeri
2
# Quaranta
12
# Angeloni
10
# Paraja
17
# Callegaro
9
# Arcangeli


Palmarès[modifica | modifica sorgente]

2002-03, 2004-05, 2006-07
1991-92, 1998-99, 2002-03, 2004-05, 2006-07
2007
2005-06
2005-06, 2007-08
1999-00
2004-05, 2006-07

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Volley: il Perugia donne non si iscrive

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]