Pablo Larraín

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Pablo Larraín Matte (Santiago del Cile, 19 agosto 1976) è un regista, sceneggiatore e produttore cinematografico cileno.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

È figlio di due politici conservatori, l'ex presidente dell'Unione Democratica Indipendente Hernán Larraín e il ministro Magdalena Matte.

Terminato il collegio, studia comunicazione all'Universidad de Artes, Ciencias y Comunicación (UNIACC) di Santiago. Ha fondato "Fabula", una società di produzione audiovisiva e pubblicitaria.

Nel 2005 dirige il suo primo film, Fuga; nel 2007 realizza la sua seconda opera, Tony Manero, che viene presentato al festival di Cannes e vince numerosi premi tra cui quello di miglior film al Torino Film Festival.

Nel 2010 dirige il film Post Mortem, cronaca del golpe cileno del 1973 osservato dal punto di vista di un funzionario dell'obitorio di Santiago.

Nel 2012 esce No - I giorni dell'arcobaleno, film sul Plebiscito cileno del 1988. Questo è il terzo film del regista sulla dittatura cilena, a chiudere la trilogia sull'argomento.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Regista[modifica | modifica wikitesto]

Sceneggiatore[modifica | modifica wikitesto]

Produttore[modifica | modifica wikitesto]

Premi[modifica | modifica wikitesto]

  • Torino Film Festival (2008): Miglior film (Tony Manero)
  • Festival Internacional del Nuevo Cine Latinoamericano de La Habana (2008): Grand Coral (Tony Manero)
  • Festival Internazionale di Varsavia (2008): Premio speciale della guria (Tony Manero)
  • Festival del Cinema di Istanbul (2009): miglior film (Tony Manero)
  • International Film Festival Rotterdam (2009): Premio KNF (Tony Manero)

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]