Otto Wels

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Otto Wels

Otto Wels (Berlino, 15 settembre 1873Parigi, 16 settembre 1939) è stato un politico tedesco. È stato uno dei principali leader dei socialdemocratici tedeschi (SPD) a cavallo tra le due guerre mondiali.

È celebre il suo discorso del 22 marzo 1933 quando, davanti ad una assemblea in mano ai nazisti, prese la parola per denunciare all'opinione pubblica il suicidio del Parlamento che, nella nuova legge di autorizzazione, rinunciava ai suoi poteri di controllo sull'esecutivo. Nel discorso divenne memorabile la frase rivolta ad Hitler: "Puoi prendere le nostre vite e la nostra libertà, ma non prendi il nostro onore".

Dopo la presa del potere definitiva da parte dei nazisti, visse nel distretto della Saar, ancora amministrato dalla Società delle Nazioni, poi a Praga e infine a Parigi, dove morì esule.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 64803277 LCCN: n93092915