Opzione binaria

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Un'opzione binaria (o digitale) è un tipo di opzione dove il pay-off (guadagno) è limitato ad un ammontare fisso (come parte di un asset) oppure nullo. Esse prendono il proprio nome dal fatto che l'esito dell'investimento ha due soli possibili risultati: previsione corretta o incorretta.

Tali strumenti opzioni hanno la caratteristica di non valutare il guadagno in termini differenziali (ovvero come la differenza tra il valore di mercato del titolo rappresentativo e lo strike price) ma il ricavo è fissato al momento della stipulazione del contratto. In parole povere si tratta di una scommessa su un trend (andamento) di un certo titolo che potrà essere a ribasso o a rialzo in breve, medio o lungo termine.

Tra i maggiori esperti internazionali si considera esservi Sanford J. Grossman della Wharton School della Pennsylvania University a Filadelfia, che ha teorizzato ed elaborato un modello matematico al fine di creare una completa rappresentazione matematica di questo complesso argomento.

Critiche[modifica | modifica wikitesto]

Queste piattaforme sono considerate da alcuni come piattaforme di scommesse, piuttosto che piattaforme di investimento a causa del basso ritorno in caso di vincita e perché richiedono poca o nessuna conoscenza. Gordon Pape su Forbes afferma a proposito di coloro che vorrebbero diventare trader di opzioni binarie:

(EN)

« If people want to gamble, that's their choice. But let's not confuse that with investing. »

(IT)

« Se uno vuol scommettere, è una sua scelta. Ma non lo confondiamo con l'investimento. »

(Gordon Pape, 27 luglio 2010[1])

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Gordon Pape, Don't Gamble On Binary Options in forbes.com, 27 luglio 2010. URL consultato il 20 settembre 2014 (archiviato il 20 settembre 2014).
economia Portale Economia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di economia