Once in a Lifetime (singolo Talking Heads)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Once in a Lifetime
TalkingHeadsOnceInALifetimeVideo.jpg
David Byrne nel video del brano
Artista Talking Heads
Tipo album Singolo
Pubblicazione 2 febbraio 1981[1]
Durata 4 min : 19 s
Genere New wave[2]
Post-punk[2]
Etichetta Sire Records
Produttore Brian Eno
Registrazione 1980
Formati Vinile da 7"
Vinile da 12"
CD
Talking Heads - cronologia
Singolo precedente
(1980)
Singolo successivo
(1981)

Once in a Lifetime è un brano musicale del gruppo musicale statunitense Talking Heads ed il primo singolo estratto dal loro quarto album studio Remain in Light.[1]

La canzone è stata scritta da David Byrne, Brian Eno (che ne fu anche il produttore), Chris Frantz, Jerry Harrison e Tina Weymouth e, oltre all'approvazione che ricevette dalla critica, vanta di essere stata menzionata da National Public Radio tra le 100 migliori produzioni musicali americane del XX secolo.[3]

Il singolo è stato pubblicato il 2 febbraio 1981, preceduto dalla pubblicazione dell'album che è avvenuta l'8 ottobre 1980.[1]

Il testo[modifica | modifica sorgente]

Molti versi della canzone sembrano alludere all'esistenzialismo. La canzone può anche essere interpretata come una descrizione della crisi della mezza età, durante la quale si vedono svanire gran parte degli ideali giovanili e dei sogni di successo.

Il video[modifica | modifica sorgente]

Il video prodotto per Once in a Lifetime mostra il frontman David Byrne che balla quasi come una marionetta[4] mentre alle sue spalle vi è uno sfondo che varia: inizialmente dell'acqua, successivamente bianco e poi con delle immagini relative al testo della canzone.

Byrne muove le braccia, ruota la testa, si piega, accarezza il pavimento e compie tutti movimenti realizzabili con una vera marionetta. Inoltre, durante alcuni passaggi, sullo sfondo si vedono delle marionette-Byrne che si muovono in perfetta sincronia, mentre il cantante in primo piano va sempre più fuori ritmo.

Il video è esposto al Museum of Modern Art di New York. Alcuni dei movimenti di Byrne (spasmi, movimenti oculari, respiri profondi...) sono stati ispirati dalla sua coreografa Toni Basil, che gli ha mostrato dei video di persone affette da epilessia.[5]

Esibizioni dal vivo[modifica | modifica sorgente]

L'esibizione di Once in a Lifetime tenuta dalla band al Pantages Theatre di Hollywood è stata registrata ed inserita nel film concerto Stop Making Sense.[6] L'album omonimo tratto dal film è stato inserito nel 2003 dalla rivista Rolling Stone al 345º posto nella classifica dei 500 migliori album di tutti i tempi.[7]

Questa versione della canzone è riprodotta anche durante i titoli di testa del film Su e giù per Beverly Hills. Inoltre fu pubblicata come singolo nel 1985 piazzandosi al 22º posto nella classifica dei Paesi Bassi[8] e al 91° nella Billboard Hot 100.[9]

Formazione[modifica | modifica sorgente]

Al momento della registrazione del singolo la band era composta come segue (formazione che rimase invariata per tutto il periodo di attività del gruppo):

Classifiche[modifica | modifica sorgente]

Versione originale[modifica | modifica sorgente]

Classifica (1981) Posizione
più alta
Canada[10] 28
Nuova Zelanda[11] 15
Paesi Bassi[12] 24
Regno Unito[13] 14

Versione live[modifica | modifica sorgente]

Classifica (1985) Posizione
più alta
Paesi Bassi[8] 22
USA[9] 91

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c (EN) Discografia dei Talking Heads sul loro sito ufficiale. URL consultato il 29 dicembre 2011.
  2. ^ a b (EN) Once in a Lifetime in Allmusic, All Media Network.
  3. ^ (EN) The 100 most important American musical works of the 20th century. URL consultato il 29 dicembre 2011.
  4. ^ Youtube: Talking Heads - "Once In A Lifetime". URL consultato il 29 dicembre 2011.
  5. ^ (EN) SongFacts: Once In A Lifetime by Talking Heads. URL consultato il 29 dicembre 2011.
  6. ^ (EN) Tracklist di Stop making sense dal sito ufficiale della band. URL consultato il 30 dicembre 2011.
  7. ^ (EN) The RS 500 Greatest Albums of All Time. URL consultato il 9 maggio 2014.
  8. ^ a b (NL) DutchCharts: Once in a Lifetime (live). URL consultato il 30 dicembre 2011.
  9. ^ a b (EN) Canzoni dei Talking Heads nella Billboard Hot 100. URL consultato il 30 dicembre 2011.
  10. ^ (EN) Library and Archives Canada: "Talking Heads" and "Top Singles". URL consultato il 30 dicembre 2011.
  11. ^ (EN) Charts.org.nz: Once in a Lifetime. URL consultato il 30 dicembre 2011.
  12. ^ (NL) Dutcharts: Once in a Lifetime. URL consultato il 30 dicembre 2011.
  13. ^ (EN) ChartStats: chart history of talking Heads. URL consultato il 30 dicembre 2011.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

rock Portale Rock: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di rock