Omphalotus olearius

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Omphalotus olearius
Omphalotus.jpg
Omphalotus olearius
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Fungi
Divisione Basidiomycota
Classe Basidiomycetes
Ordine Agaricales
Famiglia Omphalotaceae
Genere Omphalotus
Specie Omphalotus olearius
Nomenclatura binomiale
Omphalotus olearius
(DC.) Singer, 1946
Caratteristiche morfologiche
Omphalotus olearius
Cappello ondulato disegno.png
Cappello ondulato
Gills icon.png
Imenio lamelle
Decurrent gills icon2.svg
Lamelle decorrenti
Cream spore print icon.png
Sporata crema
Bare stipe icon.png
Velo nudo
Immutabile icona.png
Carne immutabile
Saprotrophic ecology icon.png
Saprofita
Velenoso icona.png
Velenoso

Omphalotus olearius (DC.) Singer, Pap. Mich. Acad. Sci. 32: 133 (1946).

Omphalotus olearius.JPG

L'Omphalotus olearius è un fungo assai pericoloso, facilmente riconoscibile per il colore arancio del carpoforo e per via delle lamelle decorrenti e bioluminescenti, cioè visibili al buio per via di alcuni pigmenti ivi ubicati.
Ciononostante non è infrequente che i meno esperti lo confondano con specie eduli che gli somigliano anche molto vagamente, in primis con esemplari giganti di Cantharellus cibarius che però possiede "creste" al posto delle "lamelle".

È una specie molto velenosa e potenzialmente mortale, specialmente se consumata in quantità non esigue. In letteratura risultano svariati decessi.

Descrizione della specie[modifica | modifica wikitesto]

Cappello[modifica | modifica wikitesto]

5-12 cm, poco carnoso, elastico, presto depresso o imbutiforme.

Cuticola
fibrillosa, lucida, di colore giallo-arancione, arancio-rossastra o rosso brunastro.
Margine
a lungo involuto, poi disteso ed ondulato, spesso con fessure radiali.

Lamelle[modifica | modifica wikitesto]

Fitte e sottili, molto decorrenti, da giallo oro a giallo zafferano, giallo arancio, con lamellule.

Gambo[modifica | modifica wikitesto]

5-14 x 1-1,5 cm, cilindrico e slanciato, eccentrico e sinuoso, attenuato alla base, fibrillato, da giallo a bruno, rosso-brunastro.

Omphalotus olearius

Anello[modifica | modifica wikitesto]

Carne[modifica | modifica wikitesto]

Elastica, tenace e fibrosa, giallo zafferano.

  • Odore: insignificante, leggermente sgradevole.
  • Sapore: insignificante, dolciastro ed astringente.

Spore[modifica | modifica wikitesto]

Crema in massa, lisce e subsferiche, non amiloidi, 4,5-7 x 4,5-6,5 µm.

Habitat[modifica | modifica wikitesto]

Cresce nei boschi termofili, cespitoso alla base di vecchi alberi o su ceppaie di latifoglie, dall'estate all'autunno.

Cespo di O. olearius

Commestibilità[modifica | modifica wikitesto]

Nuvola apps important.svg Molto velenoso, talvolta anche mortale (a seconda della quantità ingerita).
Provoca sindrome di tipo pardinico, gastrointestinale ed a breve incubazione, anche di grave entità.

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

  • Genere: dal greco omfalòs = ombelico, con depressione al centro.
  • Specie: dal latino olearius = attinente all'olio, all'olivo, per il presunto habitat di crescita.

Binomi e sinonimi obsoleti[modifica | modifica wikitesto]

  • Agaricus olearius DC., in de Candolle & Lamarck, Fl. Franç., Edn 3 (Paris) 5/6: 44 (1815)
  • Clitocybe olearia (DC.) Maire, (1933)
  • Pleurotus olearius (DC.) Gillet, Hyménomycètes (Alençon): 344 (1874)

Nomi comuni[modifica | modifica wikitesto]

  • Fungo dell'olivo
  • (FR) Clitocybe de l ' Olivier
  • (EN) Jack o'lantern mushroom

Specie simili[modifica | modifica wikitesto]

L'O. olearius viene spesso confuso con:

Inquadramento tassonomico[modifica | modifica wikitesto]

Questa specie, nel corso degli anni, è stata inserita in diversi generi, come Pleurotus Gillet (1874), Clitocybe R. Maire (1916), Armillariella Singer (1943), Flammula Quélet (1886), Dryophila Quelét (1888) e Omphalotus Fayod (1889).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

(EN) Omphalotus olearius in Index Fungorum, CABI Bioscience.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

micologia Portale Micologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di micologia