Nannacara adoketa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Nannacara adoketa
Ivanacara adoketa5164.jpg
esemplare femminile
Stato di conservazione
Status none NE.svg
Specie non valutata
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Superphylum Deuterostomia
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Infraphylum Gnathostomata
Superclasse Osteichthyes
Classe Actinopterygii
Sottoclasse Neopterygii
Infraclasse Teleostei
Superordine Acanthopterygii
Ordine Perciformes
Sottordine Labroidei
Famiglia Cichlidae
Sottofamiglia Cichlinae
Genere Nannacara
Specie Nannacara adoketa
Nomenclatura binomiale
Nannacara adoketa
Kullander & Prada-Pedreros, 1993

Nannacara adoketa è un pesce di acqua dolce appartenente alla famiglia Cichlidae ed alla sottofamiglia Cichlinae

Habitat e Distribuzione[modifica | modifica sorgente]

Proviene dal Sud America, più precisamente dal bacino del Rio delle Amazzoni e del Rio Negro in Brasile[1]. In genere si trova in piccoli torrenti a bassissime profondità[2].

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Presenta un corpo tozzo, poco compresso ai lati e quasi cilindrico, con la testa arrotondata. Il dimorfismo sessuale si nota soprattutto nella livrea: nelle femmine il colore di fondo è grigio chiaro, ma tutto il corpo è coperto di zebrature nere e marroni irregolari. Attorno all'occhio, che è marrone, sono presenti delle linee bianche; le pinne sono trasparenti. I maschi sono invece marroncini con le pinne bordate di rosso, una macchia gialla sull'opercolo ed una linea diagonale nera che passa dall'occhio. La pinna dorsale e la pinna anale sono allungate, come così quelle pelviche. Non supera i 5 cm[2].

Biologia[modifica | modifica sorgente]

Riproduzione[modifica | modifica sorgente]

È oviparo e la fecondazione è esterna. Può deporre da 200 fino a persino 300 uova, in genere color ambra, su radici sommerse. Entrambi i genitori sorvegliano le uova ed il territorio attorno ad esse, e si occupano degli avannotti finché questi ultimi non diventano autosufficienti[3].

Alimentazione[modifica | modifica sorgente]


Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ FishWiseProfessionale
  2. ^ a b Scheda su FishBase
  3. ^ Scheda specifica riproduzione

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

pesci Portale Pesci: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di pesci