Movimento Nazionale Libanese

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Curly Brackets.svg
A questa voce o sezione va aggiunto il template sinottico {{Partito politico}}
Per favore, aggiungi e riempi opportunamente il template e poi rimuovi questo avviso.
Per le altre pagine a cui aggiungere questo template, vedi la relativa categoria.

Il Movimento Nazionale Libanese (MNL) è stato una coalizione di partiti politici e di organizzazioni, attiva all'inizio della guerra civile libanese. Era guidata da Kamal Jumblatt, capo druso del Partito Socialista Progressista (PSP). Il Segretario Generale del MNL era Mohsen Ibrahim, capo dell'Organizzazione dell'Azione Comunista in Libano (OACL).

Il MNL fu fondato nel 1969. Radunava, oltre al PSP e all'OACL, il Partito Comunista Libanese (PCL), il Partito Nazionalista Sociale Siriano (PNSS), le due fazioni pro-siriana e pro-irachena del Partito Ba'th libanese, il gruppo nasseriano dei Murabitun e il movimento sciita libanese Amal. Numerose organizzazioni si unirono in seguito al MNL, provenienti dal cosiddetto "Fronte del Rifiuto" (dell'accettazione dell'annichilimento della Palestina come Stato da parte di Israele). Il Fronte Popolare di Liberazione della Palestina (FPLP) di George Habbash e il Fronte Democratico per la Liberazione della Palestina (FDLP) di Nayef Hawatmeh ne erano membri attivi.

All'inizio della guerra civile libanese nel 1975, il MNL contava circa 25.000 miliziani, senza tener conto della componente assai numerosa di palestinesi), contro i 18.000 miliziani dei partiti della destra libanese.