Massimo Tononi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Massimo Tononi
MassimoTononi.jpg

Presidente
di Borsa Italiana
In carica
Inizio mandato 28 giugno 2011

Massimo Tononi (Trento, 22 agosto 1964[1]) è un banchiere e manager italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio del politico Giorgio Tononi e fratello dello psichiatra e neuroscienziato Giulio,[2] si è laureato in economia aziendale all'Università Bocconi di Milano nel 1988, fino al 1993 ha lavorato presso l'ufficio londinese della Goldman Sachs, occupandosi soprattutto di fusioni e acquisizioni tra imprese. Assistente di Romano Prodi nella seconda esperienza del Professore alla guida dell'IRI, nel 1994 torna alla Goldman Sachs, di cui diventa partner managing director.

Lascia l'incarico il 18 maggio del 2006 diventando sottosegretario all'Economia del secondo governo Prodi, del quale aveva finanziato la campagna elettorale con 100.000 euro.[3] Durante il mandato al Ministero dell'Economia e delle Finanze, guidato dall'allora Ministro Tommaso Padoa-Schioppa, si occupa di debito pubblico italiano e di società partecipate dallo Stato. Dopo la caduta del governo torna in Goldman Sachs. Nel 2010 smette di essere partner rimanendo advisory director.[4] Da settembre 2010 è membro del board della London Stock Exchange (la borsa di Londra) con la qualifica di Non-Executive Director.[5]

Il 28 giugno 2011 è stato nominato presidente di Borsa Italiana.[6] Attualmente ricopre anche la carica di Presidente del Consiglio d'Amministrazione di Prysmian (da aprile 2012), Istituto Atesino di Sviluppo (da giugno 2012), Cassa di Compensazione e Garanzia (da settembre 2013) ed EuroTLX SIM (da settembre 2013). È anche consigliere di amministrazione di Mittel [7] (da maggio 2010) e di Sorin Biomedica (da giugno 2010).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Massimo Tononi, Senato della Repubblica. URL consultato il 13 aprile 2009.
  2. ^ Giorgio Dal Bosco, Giorgio Tononi: più della politica poté la famiglia, Trentino, 5 maggio 2007. URL consultato il 13 aprile 2009.
  3. ^ Il contributo di Tononi: 100 mila euro a Prodi, Trentino, 8 giugno 2006. URL consultato il 13 aprile 2009.
  4. ^ Carlo Cinelli e Federico De Rosa, Tononi prepara l'addio a Goldman, Corriere della Sera, 29 marzo 2010. URL consultato il 28 settembre 2010.
  5. ^ London Stock Exchange: cambiamenti nel board, La Stampa, 27 settembre 2010. URL consultato il 28 settembre 2010.
  6. ^ Borsa Italiana, Massimo Tononi nuovo presidente, Reuters Italia, 28 giugno 2011. URL consultato il 29 giugno 2011.
  7. ^ Mittel: Bazoli, Tononi in cda e Spongano d.g. al posto di Gorno Tempini, Radiocor, 13 maggio 2010. URL consultato il 28 settembre 2010.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]