Mark Dayton

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Mark Dayton
Mark Dayton official photo.jpg

40º governatore del Minnesota
Durata mandato 3 gennaio 2011 - in carica
Predecessore Tim Pawlenty

Senatore dal Minnesota
Durata mandato 3 gennaio 2001 - 3 gennaio 2007
Predecessore Rod Grams
Successore Amy Klobuchar

Dati generali
Partito politico Democratico (DFL)
Tendenza politica Progressismo

Mark Brandt Dayton (Minneapolis, 26 gennaio 1947) è un politico statunitense. Dal 3 gennaio 2011, è il governatore del Minnesota, avendo sconfitto nelle elezioni del novembre 2010 il candidato repubblicano Tom Emmer. Ha anche ricoperto l'incarico di senatore degli Stati Uniti dal 2001 al 2007.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Dayton nacque a Minneapolis da Gwendolen May Brandt and Bruce Bliss Dayton[1]. Discendente dell'uomo d'affari George Dayton, Mark crebbe a Long Lake e si diplomò nel 1965 alla Blake School di Hopkins.

Nel 1969, Dayton si laureò cum laude all'Università di Yale, dove giocava come portiere di hockey per la rappresentativa universitaria. In questo periodo, si unì alla Delta Kappa Epsilon, tra i cui membri c'era anche George W. Bush. In seguito, Dayton lavorò per due anni come docente a New York City e poi come direttore di un'agenzia di servizi sociali a Boston nel Massachusetts[2]. Nel 1982, si candidò al Senato degli Stati Uniti, ma senza successo.

Dayton con Walter Mondale nel 1982

Dayton fu assistente del senatore Walter Mondale. Nel 1990, fu eletto auditor del Minnesota, carica che ricoprirà fino al 1995. Dayton sarà poi eletto senatore nel 2000, sconfiggendo il senatore in carica Rod Grams. Nel 1976, Dayton sposò la sorella del senatore Jay Rockefeller, Alida Rockefeller Messinger, con la quale è stato coniugato fino al 1986. Nel 1999, Dayton divorziò dalla seconda moglie Janice Haarstick.

Dayton ha avuto due figli dal primo matrimonio. È stato alcolista ed è uscito da lieve depressione[3]. Dayton ha rivelato queste informazioni di sua sponte perché, come egli stesso ha dichiarato, "la gente ha il diritto di sapere."[3]

Posizioni politiche[modifica | modifica wikitesto]

Come membro del Partito Democratico, Dayton è in linea con i principi del liberalismo moderno degli Stati Uniti. Egli è a favore della scelta sull'aborto, sostiene i diritti LGBT e il matrimonio gay ed inoltre sostiene le leggi e le associazioni sociali come il Social Security Act. Ha posizioni critiche riguardo alla guerra in Iraq.

Dayton è favorevole alla copertura sanitaria per tutti gli americani[4][5] ed è a favore della progressività fiscale per ridurre il debito pubblico americano[6][7][8].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Mark Brandt Dayton, Freepages.genealogy.rootsweb.com, 26 gennaio 1947. URL consultato il 4 novembre 2010.
  2. ^ Mark Dayton's career, Star Tribune, 27 dicembre 2009. URL consultato il 20 luglio 2010.
  3. ^ a b Rachel E. Stassen-Berger and Baird Helgeson, 'People have a right to know,' Dayton says, Star Tribune, December 27, 2009
  4. ^ Health Care, Markdayton.org, 24 maggio 2010. URL consultato il 4 novembre 2010.
  5. ^ Mark Dayton on Health Care, Ontheissues.org. URL consultato il 4 novembre 2010.
  6. ^ Mark Dayton, This time, let's be fair about the budget gap, Startribune.com, 23 marzo 2008. URL consultato il 4 novembre 2010.
  7. ^ Mark Dayton on the Issues, Ontheissues.org. URL consultato il 4 novembre 2010.
  8. ^ Taxes & Budget, Markdayton.org, 24 maggio 2010. URL consultato il 4 novembre 2010.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 19471482