Maria d'Ungheria (1371-1395)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Maria d'Ungheria
Maria d'Angiò, regina d'Ungheria
Maria d'Angiò, regina d'Ungheria
Regina d'Ungheria
In carica 1382-1385
1386-1395
Predecessore Luigi I il Grande
Successore Sigismondo di Lussemburgo
Nascita Buda, 14 aprile 1371
Morte Buda, 17 maggio 1395
Sepoltura Varad (Oradea)
Dinastia
Coat of arms of Hungary.png

Angiò

Padre Luigi I il Grande
Madre Elisabetta di Bosnia
Religione cattolica

Maria d'Ungheria (14 aprile 1371Buda, 17 maggio 1395) fu regina d'Ungheria, figlia di Luigi I il Grande, della casa d'Angiò, sovrano d'Ungheria e Polonia, e di Elisabetta di Bosnia. Nel 1385 sposò Sigismondo di Lussemburgo. Sua sorella Edvige diventò regina di Polonia.

La reggenza della madre e lo scontro con Carlo di Durazzo[modifica | modifica wikitesto]

Il 10 settembre 1382 Luigi il Grande morì e la figlia Maria fu chiamata a succedergli sul trono. La principessa aveva solo undici anni e in attesa del compimento della maggiore età le sorti del regno furono rette dalla vedova di Luigi, la Regina madre Elisabetta Kotromanic di Bosnia, e da Nicola I Gorjanski. I responsabili della reggenza furono duramente avversati da una buona parte della nobiltà magiara, che in opposizione ad Elisabetta e alla regina titolare Maria sostennero le aspirazioni al trono di Carlo di Durazzo, cugino di secondo grado di Luigi e unico erede maschio del ramo principale degli Angioini. Già Re di Napoli per aver spodestato la regina Giovanna, Carlo giunse a Buda nel 1385 per rivendicare il suo diritto alla corona. Grazie all'appoggio di quella parte della nobiltà locale avversa alla reggente, Carlo poté dichiarare Maria decaduta dal trono e assumere la corona d'Ungheria col nome di Carlo II. Ma il suo fu un regno brevissimo, poiché Elisabetta, decisa a non sottomettersi all'usurpatore, ordì un complotto ai suoi danni. Agli inizi del 1386 re Carlo subì un'aggressione dalla quale uscì gravemente ferito ma ancora vivo. Il 24 febbraio però, i sicari della regina madre completarono l'opera uccidendo il sovrano napoletano con del veleno.[1]

La reazione dei sostenitori di Carlo fu molto violenta e i disegni di potere di Elisabetta, che difendeva il diritto al trono della figlia Maria, rischiarono seriamente di essere mandati all'aria. La vedova di Luigi fu catturata insieme alla regina minorenne e nel primo anniversario della morte di Carlo II fu strangolata davanti agli occhi di Maria.

Con la morte di Carlo, i diritti al trono ungherese passarono al figlio Ladislao, all'epoca minorenne e già erede della corona di Napoli. Ladislao avrebbe presto reclamato la legittimità della propria successione, arrivando ad ottenere l'incoronazione formale a re d'Ungheria il 5 agosto 1403 a Zara. Ma la sua impresa di conquista del regno non venne mai realizzata.[2]

Il ritorno sul trono[modifica | modifica wikitesto]

Elisabetta e Maria piangono la morte di Luigi il Grande (dipinto di Alexander von Lietzen-Mayer - 1862)

Maria fu liberata dalla prigionia nel 1386, a quanto pare ad opera degli esponenti delle due grandi famiglie aristocratiche dei Frankopani e dei Gorjanski. Probabilmente ebbe un ruolo nella sua liberazione e restaurazione sul trono l'amato zio Tvrtko, fratello adottivo della madre Elisabetta e primo re di Bosnia col nome di Stefano I (Stefan, cioè l'incoronato). Pare inoltre che Maria avesse nominato suo erede proprio Tvrtko, il quale però morì nel 1391, probabilmente assassinato. Tornata di diritto regina d'Ungheria, dal 1387 fu ufficialmente affiancata sul trono dal marito Sigismondo, che di fatto mantenne nelle sue mani il governo del regno.[3]

La morte e l'eredità[modifica | modifica wikitesto]

La regina Maria morì a Buda il 17 maggio 1395, all’età di 24 anni, a causa di complicazioni sopravvenute durante il parto. Le circostanze della sua morte restarono comunque oscure e il figlio che avrebbe dovuto mettere al mondo non le sopravvisse. Fu sepolta nella cattedrale di Oradea, ora in Romania.

Nel 1406 Sigismondo sposò Barbara di Cilli, cugina di Maria, e nel 1410 fu eletto imperatore del Sacro Romano Impero.[4]

La linea di successione di Maria d'Ungheria ebbe come ultimo erede diretto, dopo la morte, nel 1399, della sorella minore Edvige, Regina di Polonia, il lontano cugino Ladislao, figlio di Carlo di Durazzo e pretendente al trono ungherese. Con la morte di quest'ultimo nel 1414 il ramo principale della successione degli Angioini d'Ungheria passò a Re Carlo VII di Francia, della Casa di Valois, erede di Margherita d'Angiò, figlia maggiore di Carlo II di Napoli e Maria Arpad d'Ungheria.[5]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Gli Angioini.., p. 31
  2. ^ Gli Angioini.., p. 49
  3. ^ Csukovits, p. 37
  4. ^ Csukovits, p. 39
  5. ^ Gli Angioini.., p. 179

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • AA. VV., Gli Angioini di Napoli e Ungheria, Accademia dei Lincei 1974.
  • E. Csukovits (a cura di), L'Ungheria angioina, Viella, Roma 2013.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Regina d'Ungheria Successore Coat of arms of Hungary.png
Luigi I il Grande 1382–1385 Carlo II I
Carlo II 1386–1395 Sigismondo di Lussemburgo II
biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie