Barbara di Cilli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Barbara di Cilli
Barbara di Cilli
Sacra Romana Imperatrice
In carica 1433 –
1437
Predecessore Elisabetta di Pomerania
Successore Eleonora d'Aviz
Nascita 1392
Morte Mělník, 11 luglio 1451
Sepoltura Cattedrale di Praga
Dinastia Casa di Celje
Padre Ermanno II di Cilli
Madre Anna di Schauenburg
Consorte di Sigismondo di Lussemburgo
Figli Elisabetta

Barbara di Cilli, o Barbara di Celje (in croato e sloveno Barbara Celjska; in ceco Barbora Cellská; in ungherese Cillei Borbála; 1392Mělník, 11 luglio 1451), fu una Sacra Romana Imperatrice e Regina d'Ungheria e Boemia. Ricevette il nomignolo di Messalina di Germania ed ebbe un ruolo strumentale nella creazione dell'Ordine del Drago. Essa fu inoltre reggente d'Ungheria durante l'assenza del marito.

Genealogia famigliare[modifica | modifica sorgente]

Barbara era una figlia di Ermanno II, conte di Cilli (Celje), e della contessa Anna di Schauenburg. I nonni paterni di Barbara erano quindi Ermanno I di Cilli e la moglie Caterina di Bosnia, probabilmente sorella di Elisabetta di Bosnia. I nonni materni di Barbara erano invece Enrico III di Schauenburg e Ursula di Görz.

Tanto Barbara quanto le sue cugine e la sorella adottata, Anna, sposarono monarchi regnanti le cui consorti appena decedute appartenevano alla famiglia di Cilli. Anna, nel 1402, sposò Jogaila, re di Polonia e Lituania, dopo la morte di Edvige di Polonia, mentre Barbara sposò Sigismondo, re d'Ungheria, nel 1405, dopo la morte di Maria d'Ungheria.[1] Questo matrimonio venne combinato per rafforzare la posizione di Sigismondo sul trono ungherese, dal momento che, attraverso il padre, Barbara poteva tracciare la sua discendenza non solo fino ai governanti sloveni di Cilli e ai Kotromanić di Bosnia, ma anche alla nobile famiglia Šubić della Croazia.

Barbara sopravvisse abbastanza a lungo per vedere la nascita di tre dei suoi nipoti: Anna, Elisabetta e Ladislao. Essa è una delle antenate delle moderne famiglie reali d'Europa: il suo sangue scorre infatti nelle vene dei membri delle principali dinastie europee.

Il padre di Barbara, Ermanno II, come suocero di Sigismondo e Jogaila, in conflitto tra di loro, giocò un ruolo cruciale nel 1410 negli eventi politici che precedettero la battaglia di Tannenberg, aiutando ad impedire che Sigismondo, alleato con i Cavalieri Teutonici, attaccasse Jogaila. Quest'ultimo, con i suoi alleati slavi, sconfisse i Cavalieri che guidavano combattenti inviati da ventidue nazioni occidentali, compreso il Papato.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nel 1401 venne combinato il fidanzamento di Barbara e nel 1405 o 1408 venne data in sposa a Sigismondo, re d'Ungheria, figlio cadetto dell'imperatore Carlo IV, a cui in seguito succedette sui troni di Germania (1410), di Boemia (1419) ed infine del Sacro Romano Impero, venendo incoronato nel 1433. Il matrimonio ebbe luogo molto probabilmente nel 1405, ma non ce n'è conferma fino al 1408, quando Barbara venne incoronata regina d'Ungheria.

Barbara tentò, assieme al fratello e al nipote, di convincere i Boemi a insediare Ladislao III o Casimiro di Polonia sul trono di Boemia, alla morte di Sigismondo, invece del genero Alberto d'Austria; in cambio Ladislao l'avrebbe sposata. Quando Sigismondo scoprì queste macchinazioni, il 5 dicembre 1437 ordinò che venisse imprigionata a Bratislava.

Alla morte del marito, Barbara venne rilasciata, ma tutte le sue proprietà erano state confiscate e in seguito essa venne esiliata in Ungheria. Si trasferì in seguito in Polonia, dove, secondo Pagal Dlugošą, ricevette Sandomierz come feudo. Nel 1441 si trasferì a Mělník, in Boemia; trascorse poi il resto della sua vita come regina madre in Boemia, dove venne anche accusata di complottare contro il regime.[2] Durante la vedovanza essa si dedicò ai suoi interessi per l'alchimia e le scienze dell'occulto; morì di peste.

Genetica[modifica | modifica sorgente]

Barbara di Cilli è un'antenata matrilineare diretta di Nicola II di Russia. Posto che la genealogia sia corretta, questo implica che lei e tutti i suoi parenti per linea femminile appartengono all'aplogruppo mitocondriale T; tra questi vi sono numerosi discendenti appartenenti alla nobiltà europea.

Il bisnonno era Vladislav Kotromanić, mentre la bisnonna era la contessa croata Jelena Šubić, madre di re Tvrtko I di Bosnia.[3] La sua più distante antenata materna conosciuta è Adelaide di Alpeck (m. 1280), figlia di Witegow di Alpeck.

Una sua lontana nipote fu Anna di Danimarca, moglie di Giacomo I d'Inghilterra e madre di Carlo I, nonché di Elisabetta, regina di Boemia.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Edvige e la sorella Maria erano figlie di Luigi I d'Ungheria e di sua moglie Elisabetta Kotromanic, la cui sorella maggiore, Caterina, era moglie di Ermanno I, conte di Cilli, e madre di Ermanno II
  2. ^ Duggan, Anne J., Queens and Queenship in Medieval Europe: Proceedings of a Conference Held at King's College London, aprile 1995, Boydell Press, 2002; ISBN 0851158811
  3. ^ Pedigree for Barbara von Celje su genealogics.org; consultato l'8 aprile 2011

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]


Preceduto da:
Elisabetta di Pomerania
Sacra Romana Imperatrice
14331437
Seguito da:
Eleonora d'Aviz
Preceduto da:
Elisabetta di Norimberga
Regina di Germania
14111437
Seguito da:
Elisabetta di Lussemburgo
Preceduto da:
Sofia di Baviera
Regina consorte di Boemia
1419/361437
Preceduto da:
Margherita di Durazzo
Regina consorte d'Ungheria
14051437


Controllo di autorità VIAF: 50033604 LCCN: nb2010028355