MITS Altair 8800

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
MITS Altair 8800
MITS Altair 8800a
MITS Altair 8800b
Altair Computer Front Panel.jpg
Vista frontale del MITS Altair 8800b
Classe di computer microcomputer
Paese d'origine Stati Uniti d'America
Produttore Micro Instrumentation & Telemetry Systems, Inc.
Presentazione gennaio 1975
Inizio commercializzazione marzo 1975
Prezzo di lancio $ 439 (negli Stati Uniti)
CPU Intel 8080 a 2 MHz
FPU non presente
MMU non presente
Bus S-100
ROM 4 kilobyte
RAM di serie 256 byte
RAM massima 64 kilobyte
Slot interni 16 o 18
Slot esterni non presenti
UI di input gestite di serie 24 interruttori
UI di output gestite di serie 36 LED
Tastiera incorporata no
Display incorporato no
Drive incorporati nessuno
Drive bay generici non presenti
Drive bay custom non presenti
Periferiche di serie nessuna
SO di serie nessuno
Altro software di serie assembler (residente nella ROM)

Il MITS Altair 8800 è stato uno tra i primi microcomputer disponibili sul mercato. È stato sviluppato e commercializzato dalla Micro Instrumentation & Telemetry Systems, Inc., azienda con sede ad Albuquerque (Nuovo Messico, USA).

Nel 1975 il numero di gennaio della rivista Popular Electronics diede inizio all'era dell'informatica per tutti, presentando in copertina l'Altair 8800. Prima di allora il termine "computer" era sinonimo di macchine grandi e costose che potevano permettersi solo le aziende.

Il costo del computer in kit era di 397 US$, mentre la versione assemblata, era di 495 US$. I progettisti del computer non si aspettavano il successo che avrebbe avuto, pensando di poter vendere poche centinaia di esemplari.

Ed Roberts, il proprietario della Micro Instrumentation & Telemetry Systems, Inc., fece scegliere il nome del computer a sua figlia: Altair, il nome di una stella usata in un episodio di Star Trek visto quella sera.[1]

Architettura[modifica | modifica sorgente]

Il MITS Altair 8800 aperto

L'Altair 8800 è basato su un microprocessore Intel 8080, con 256 Byte di RAM, ed è dotato di un'interfaccia basata su interruttori. Agendo su di essi si può programmare in codice binario, mentre il risultato delle elaborazioni viene visualizzato tramite il lampeggio dei LED posti sul pannello frontale.

Il Bus S-100[modifica | modifica sorgente]

Poiché diverse parti elettroniche non erano ancora disponibili al momento della progettazione, e per risolvere i problemi di dimensione della scheda madre, fu necessario inventare il bus che divenne il primo bus standard, chiamato S-100. Con questo accorgimento fu possibile separare dalla scheda madre parte della logica, che essendo su schede diverse poteva comunicare tramite il bus.

Il software[modifica | modifica sorgente]

Listato BASIC su nastro perforato

Bill Gates e Paul Allen decisero di scrivere un linguaggio di programmazione da far funzionare nell'Altair. Il risultato fu una versione semplificata del BASIC chiamata Altair BASIC. Il successo di questa prima versione fu tale che i due si trasferirono ad Albuquerque e fondarono la Micro Soft (in seguito diventata Microsoft), che nei primi anni di attività adattò questo linguaggio, ora noto come Microsoft BASIC, a moltissimi microcomputer dell'epoca.

L'interfaccia utente[modifica | modifica sorgente]

Il pannello frontale conteneva 36 LED:

  • 16 per il bus degli indirizzi
  • 8 per i dati
  • 8 per lo stato

I quattro LED rimanenti erano usati per visualizzare lo stato della CPU.

Inoltre c'erano una serie di interruttori, per inserire gli indirizzi e i dati, oltre a un insieme di interruttori per il controllo del sistema.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Steven Levy, Hackers. Gli eroi della rivoluzione informatica, Shake Edizioni, 1984, p. 150.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

informatica Portale Informatica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di informatica