Ludwig von Sayn-Wittgenstein-Berlenburg

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ritratto di Franz Krüger,1836.

Sua Altezza Serenissima il Principe Ludwig Adolf Friedrich von Sayn-Wittgenstein-Berlenburg (Kaunas, 7 giugno 1799Cannes, 8 giugno 1866) è stato un nobile russo, ma di origine tedesca.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Era il figlio maggiore del feldmaresciallo, conte Peter Wittgenstein (1769-1843), e di sua moglie, Antuanetta Stanislavnovna Snarskaja.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Intraprese la carriera militare come ufficiale del reggimento di cavalleria. Nel 1820 fu nominato aiutante di campo dell'imperatore Alessandro I.

È stato inviato in missioni diplomatiche a Parigi e Londra, era presente all'incoronazione di Giorgio IV. L'8 febbraio 1824 venne promosso a capitano.

Nel 1825 fu nominato aiutante di campo dell'imperatore Nicola I.

La sua carriera si interruppe con la sua partecipazione al decabrismo, ma gli venne concesso il perdono grazie all'influenza di suo padre.

Matrimoni[modifica | modifica wikitesto]

Primo Matrimonio[modifica | modifica wikitesto]

Sposò il 14 giugno 1828, a San Pietroburgo, la principessa Stephanie Dominikovna Radziwill (1809-1832), figlia ed erede del ciambellano, il principe Dominik Hieronim Radziwill, e della sua seconda moglie, Theophile Moravia. Ebbero due figli:

Secondo Matrimonio[modifica | modifica wikitesto]

Sposò, il 22 ottobre 1834, la principessa Leonilla Ivanovna Barjatinskaja (1816-1918), figlia di Ivan Ivanovič Barjatinskij. Ebbero quattro figli:

  • Fëdor L'vovič (1836-1909), sposò Wilhelmine Hagen.
  • Antuanetta L'vovna (1839-1918), dal 1857 è sposato con Mario Albano Chigi della Rovere, duca di Campagnano;
  • Ljudvig L'vovič (1843-1876);
  • Aleksandr L'vovič (1847-1940), sposò Marie-Augustine-Yvonne de Blacas d'Aulps.

Dopo il suo ritiro, il conte Wittgenstein dedicato molto tempo alla gestione di vasti possedimenti in Bielorussia e in Ucraina, tra cui il Castello di Mir.

Dopo il secondo matrimonio, Wittgenstein con la sua seconda moglie, andò in Francia e si stabilì a Parigi, dove ha condotto uno stile di vita lussuoso. Durante la Rivoluzione del 1848 li ha costretti a trasferirsi in Germania, dove nei pressi di Frankfurt am Main, comprò il Castello di Sayn.

Nel 1856, partecipò alle celebrazioni dell'incoronazione dell'imperatore Alessandro II, a Mosca. Nel 1861, il re Federico Guglielmo IV gli concesse il titolo di principe di Sayn-Wittgenstein-Sayn.

La felicità familiare venne segnata dalla conversione al cattolicesimo della moglie.

Morte[modifica | modifica wikitesto]

Gli ultimi anni della sua vita li trascorse in follia. Morì a Cannes, l'8 giugno 1866.