Locomotiva LMS 8F Stanier

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Locomotiva LMS 8F Stanier[1]
Locomotiva a vapore
La locomotiva BR 48151
La locomotiva BR 48151
Anni di progettazione 1935
Anni di costruzione 1935-1946
Anni di esercizio 1935-1968
Quantità prodotta 960
Costruttore LMS Crewe Works
LMS Horwich Works
Vulcan Foundry
North British Locomotive Co.
(anche GWR Swindon Works
LNER Darlington Works
LNER Doncaster Works
SR Eastleigh Works
SR Ashford Works
SR Brighton Works
Beyer, Peacock & Co.
per il REC e il MoS)
Dimensioni 19.221 x 2.634 x 3.912 mm
Scartamento 1.435 mm
Massa in servizio 74,5 t
Tipo di motore a vapore surriscaldato
Alimentazione nafta/carbone
Velocità massima omologata 70 km/h
Rodiggio 1'D
Diametro ruote motrici 1435 mm
Portanti anteriori 1003 mm
Distribuzione walschaerts
Numero di cilindri 2
Cilindrata 246 d
Superficie griglia 2,66 
Superficie riscaldamento 153,2 m²
Superficie surriscaldamento 22,4 m²
Pressione in caldaia 15,5 bar
Potenza continuativa 772 kW
Forza di trazione massima 13.800

Le locomotive 8F Stanier sono state delle locomotive a vapore della London, Midland and Scottish Railway (LMS) di rodiggio 1’D progettate per la trazione dei treni merci pesanti.

Costruite in 960 unità fra il 1935 e il 1946 (non tutte per la LMS), a seguito delle operazioni belliche della seconda guerra mondiale prestarono servizio anche in diversi Paesi europei ed extraeuropei.

Progetto e costruzione[modifica | modifica sorgente]

La classe 8F Stanier fu progettata da Sir William Stanier[2]quale versione per treni merci della precedente classe 5 Stanier (“Black Five”), che nelle intenzioni avrebbe dovuto essere un tipo di locomotive di uso universale.

All’inizio degli anni trenta il servizio merci della LMS pativa l'impiego di macchine poco potenti di rodiggio C, integrate dalle locomotive articolate di tipo Garratt e dalle 7F Fowler di rodiggio D.

La nuova classe 8F (prevista in origine come 7F) riprendeva la disposizione del motore a cilindri interni della clesse 5.

Allo scoppio della seconda Guerra mondiale il progetto fu scelto come tipo unificato per le locomotive per treni merci del Regno Unito, riprendendo il ruolo che la classe GCR 8K avuto nella prima Guerra mondiale.


Unità costruite[modifica | modifica sorgente]

Le 8F Stanier furono costruite in 960 unità dal 1935 al 1946.

Committente Costruttore Anni di fornitura Quantità Numerazione d'origine Note
London, Midland & Scottish Railway LMS Crewe Works 1935–1944 137 LMS 8000–8026, 8096–8175, 8301–8330 13 requisite dal War Department
London, Midland & Scottish Railway Vulcan Foundry 1936–1937 69 LMS 8027–8095 38 requisite dal War Department
London, Midland & Scottish Railway North British Locomotive Co. 1942 50 LMS 8176–8225
London, Midland & Scottish Railway LMS Horwich Works 1943–1945 75 LMS 8331–8399, 8490–8495
War Department North British Locomotive Co. 1940–1942 158 WD 300–399, 500–524, 540–571, 623 Alcune fornite alla LMS (numerazione 8226–8282), poi prestate al War Department
War Department Beyer, Peacock & Co. 1940–1942 50 WD 400–449
Railway Executive Committee GWR Swindon Works 1943–1945 80 LMS 8400–8479
Railway Executive Committee LNER Darlington Works 1944–1945 30 LMS 8500–8509, 8540–8559
Railway Executive Committee LNER Doncaster Works 1944–1945 30 LMS 8510–8539
Railway Executive Committee SR Eastleigh Works 1943–1944 23 LMS 8600–8609, 8650–8662
Railway Executive Committee SR Ashford Works 1943–1944 14 LMS 8610–8612, 8618–8624, 8671–8674
Railway Executive Committee SR Brighton Works 1943–1944 68 LMS 8613–8617, 8625–8649, 8663–8670, 8675–8704
London & North Eastern Railway (Class O6)[3] SR Brighton Works 1944 25 LNER 7651–7675 rinumerate LNER 3100–3124, poi LNER 3500–3524, poi LMS 8705–8729
London & North Eastern Railway (Class O6) LNER Darlington Works 1945–1946 23 LNER 3125–3147 rinumerate LNER 3525–3547, poi LMS 8730–8752
London & North Eastern Railway (Class O6) LNER Doncaster Works 1945–1946 20 LNER 3148–3167 rinumerate LNER 3548–3567, poi LMS/(BR) (4)8753–8772
Totale 960

Esercizio[modifica | modifica sorgente]

Il War Department britannico ebbe in dotazione 208 8F costruite dalla Beyer Peacock & Co. e dalla North British Locomotive Co. e ne requisì altre 51. La produzione della classe 8F Stanier continuò fino al 1943, quando a esse subentrò la più economica classe Austerity WD 2-8-0.

Molte 8F Stanier furono in servizio al di fuori del Regno Unito, e in particolare in Egitto, in Palestina, in Iran (classe 41), in Iraq (classe TD), in Italia (gruppo FS 737) e in Turchia (classe TCDD 45151). Ventiquattro 8F entrarono nella dotazione delle Ferrovie della Palestina; nel 1948 ventitré di esse furono rilevate dalle Ferrovie di Israele. La guerra d’indipendenza israeliana bloccò l'unità WD 70372 (avente il numero di fabbrica della NBL 24680) in una piccola sezione della linea principale, vicino Tulkarem sul lato della Cisgiordania, oltre la linea dell'armistizio del 1949. Quell'unità rimase lì, sempre più fatiscente, fino a dopo lo sconfinamento israeliano del 1967, e infine fu rimossa e demolita verso il 1973.

Durante la guerra la London and North Eastern Railway ordinò sessantotto 8F Stanier per il proprio parco, classificandole nella classe O6. Alla fine della guerra trentanove tornarono in Gran Bretagna dal servizio all'estero. Alla nazionalizzazione nel 1948 663 8F entrarono nel parco delle British Railways. Altre tre (48773-48775, precedentemente AD500-502) furono acquistate nel 1957 dalla Longmoor Military Railway nel 1957, portando il totale a 666.

Le ultime unità della British Railways cessarono il servizio nel 1968.

La locomotiva 8F n. 48600 è stato utilizzata nel film di Glenn Ford del 1953 Time Bomb, denominato anche Terror on a Train.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ I dati si riferiscono in parte al sottogruppo immatricolato dalle FS come 737.
  2. ^ Sir William Stanier, in The LNER encyclopaedia.
  3. ^ The Stanier O6 (8F) 2-8-0s, in The LNER encyclopedia.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • J. W. P. Rowledge, Engines of the LMS, built 1923–51, Oxford, Oxford Publishing Company, 1975, ISBN 0-902888-59-5
  • Hugh Hughes, Middle East railways, Continental Railway Circle, 1981, ISBN 0-9503469-7-7
  • Paul Cotterell, The railways of Palestine and Israel, Abingdon, R. Tourret, 1984, ISBN 0-905878-04-3
  • R. Tourret, Allied military locomotives of the Second World War, Abingdon, R. Tourret, 1995, ISBN 0-905878-06-X, pp. 56-69

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]