Lingua kanuri

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Kanuri
Parlato in Nigeria, Niger, Ciad, Camerun
Persone circa 4 milioni
Scrittura Alfabeto arabo, alfabeto latino
Tipo SOV
Filogenesi Lingue nilo-sahariane
 Lingue sahariane
  Lingue sahariane occidentali
Codici di classificazione
ISO 639-1 kr
ISO 639-2 kau
ISO 639-3 kau  (EN)
Estratto in lingua
Dichiarazione universale dei diritti dell'uomo, art. 1
Adamgana woso kambe katambo ye daraja-a hakkiwa-ason kalkalye. Hankal-a nazaru-asoro kəzəpkə ye suro hal nəmharamiben kamazasoga letaiyin ye.
Kanuri languages map 001.png
Distribuzione dei principali dialetti kanuri: KRT=tumari kanuri; BMS=kanuri di Bilma; KBY=manga kanuri; KNC=kanuri centrale; KBL=kanembu.

La lingua kanuri è una lingue nilo-sahariana parlata in Nigeria e altri paesi dell'Africa centrale.

Distribuzione geografica[modifica | modifica wikitesto]

Il kanuri è una lingua, o un insieme di idiomi dialettali affini, parlato da circa 4 milioni di persone, distribuite sulle sponde del Lago Ciad. La maggioranze di tali persone, circa 3 milioni, sono stanziate in Nigeria.[1]

Le stime sul numero complessivo dei locutori variano da 3,8 milioni[1] a 4,2 milioni,[2] a seconda di quali idiomi vengono ricondotti alla lingua kanuri.

Dialetti e lingue derivate[modifica | modifica wikitesto]

Lo standard ISO 639-3 classifica il kanuri come macrolingua composta dai seguenti membri:[1]

Secondo Ethnologue,[2] il gruppo delle lingue kanuri è più ampio, e comprende anche la lingua kanuri di Bilma (bms) e la lingua kanembu (kbl).

Il kanuri centrale è l'idioma più diffuso, con 3 milioni di locutori in Nigeria (stati di Borno, Jigawa, Yobe), e altri 250 mila circa tra Camerun, Ciad e Niger.[3]

Il manga kanuri è parlato da 280.000 persone in Niger e 200.000 in Nigeria.[4]

Il tumari kanuri è parlato da 40.000 persone in Niger.[5]

Il kanuri di Bilma conta 20.000 locutori intorno all'antica oasi di Bilma, in Niger.[6]

Il kanembu è parlato da 461.000 persone nel Ciad occidentale.[7]

Classificazione[modifica | modifica wikitesto]

Secondo Ethnologue,[2] la classificazione della lingua kanuri è la seguente:

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Si tratta della lingua parlata prevalentemente dall'etnia Kanuri, considerata discendendente dei grandi imperi precoloniali conosciuti come Kanem-Bornu. In passato era una delle più diffuse lingue franche dell'Africa sub-sahariana, anche se oggi sta perdendo terreno a favore delle più diffuse lingue delle regioni confinanti, in particolare lo hausa e l'arabo.

Grammatica[modifica | modifica wikitesto]

Il kanuri è una lingua tonale, di tipologia Soggetto Oggetto Verbo.[3]

Sistema di scrittura[modifica | modifica wikitesto]

Per la scrittura vengono utilizzati sia l'alfabeto arabo che l'alfabeto latino.[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (EN) Lewis, M. Paul, Gary F. Simons, and Charles D. Fennig (eds), Kanuri (macrolanguage) in Ethnologue: Languages of the World, Seventeenth edition, Dallas, Texas, SIL International, 2013.
  2. ^ a b c (EN) Lewis, M. Paul, Gary F. Simons, and Charles D. Fennig (eds), Kanuri (subgroup) in Ethnologue: Languages of the World, Seventeenth edition, Dallas, Texas, SIL International, 2013.
  3. ^ a b c (EN) Lewis, M. Paul, Gary F. Simons, and Charles D. Fennig (eds), Kanuri, Central in Ethnologue: Languages of the World, Seventeenth edition, Dallas, Texas, SIL International, 2013.
  4. ^ (EN) Lewis, M. Paul, Gary F. Simons, and Charles D. Fennig (eds), Kanuri, Manga in Ethnologue: Languages of the World, Seventeenth edition, Dallas, Texas, SIL International, 2013.
  5. ^ (EN) Lewis, M. Paul, Gary F. Simons, and Charles D. Fennig (eds), Kanuri, Tumari in Ethnologue: Languages of the World, Seventeenth edition, Dallas, Texas, SIL International, 2013.
  6. ^ (EN) Lewis, M. Paul, Gary F. Simons, and Charles D. Fennig (eds), Kanuri, Bilma in Ethnologue: Languages of the World, Seventeenth edition, Dallas, Texas, SIL International, 2013.
  7. ^ (EN) Lewis, M. Paul, Gary F. Simons, and Charles D. Fennig (eds), Kanembu in Ethnologue: Languages of the World, Seventeenth edition, Dallas, Texas, SIL International, 2013.