Laird Cregar

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Laird Cregar in Sangue e arena (1941)

Samuel Laird Cregar (Philadelphia, 28 luglio 1913Los Angeles, 9 dicembre 1944) è stato un attore cinematografico statunitense.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Ultimo dei sei figli di Edward Matthews Cregar, celebre giocatore di cricket, e di Elizabeth Smith, dall'età di otto anni Laird Cregar fu educato in Inghilterra, dove frequentò il Winchester College e iniziò a recitare in ruoli di bambino con una compagnia teatrale di Stratford-upon-Avon[1].

Terminati gli studi, Cregar rientrò negli Stati Uniti e ottenne una borsa di studio presso la scuola di arte drammatica californiana Pasadena Playhouse, attirando l'attenzione dei talent scout di Hollywood grazie a un recital in cui impersonò lo scrittore Oscar Wilde.

Il cinema[modifica | modifica sorgente]

Dopo aver firmato un contratto con la Twentieth Century Fox, Cregar apparve nella versione cinematografica della commedia teatrale La zia di Carlo (1941) in cui impersonò Sir Francis Chesney. Con questo ruolo brillante, il ventottenne Cregar dimostrò grande abilità nell'incarnare un personaggio di mezza età, complice la costituzione fisica imponente che lo faceva apparire più anziano di quanto fosse in realtà[1].

Laird Cregar nei panni di Sir Henry Morgan nel film Il cigno nero (1942)

Nello stesso anno, Cregar apparve nel noir Situazione pericolosa (1941), in cui interpretò un sinistro detective psicopatico, a fianco di Victor Mature e Betty Grable. La sua versatilità gli permise di alternare ruoli in pellicole poliziesche come Il fuorilegge (1942), film che rivelò la coppia Alan Ladd-Veronica Lake, a sontuose avventure in costume come Il cigno nero (1942), in cui impersonò il leggendario pirata Sir Henry Morgan, a commedie brillanti quali Il cielo può attendere (1943) di Ernst Lubitsch, che diresse Cregar nel celestiale ruolo di "Sua Eccellenza", personaggio al quale il protagonista (Don Ameche) si presenta nell'aldilà.

Gli ultimi due grandi ruoli di vilain interpretati da Cregar furono quello dell'inquietante Mr. Slade ne Il pensionante (1944), remake dell'omonimo film muto diretto nel 1927 da Alfred Hitchcock e ispirato alla vicenda di Jack lo Squartatore, e quello del pianista schizofrenico George Harvey Bone nel fosco thriller Nelle tenebre della metropoli (1945).

Afflitto da un'obesità sempre più marcata, che lo aveva portato a pesare 130 chili, nel 1944 Cregar si sottopose a una drastica dieta alimentare[1], collegata all'assunzione di anfetamine, nel tentativo di ridurre il peso eccessivo e di rinnovare la propria immagine cinematografica. Nel suo ultimo film, Nelle tenebre della metropoli, l'attore apparve dimagrito di circa 40 chili, ma la severità della dieta fu fatale al suo metabolismo: pochi giorni dopo aver subito un intervento chirurgico allo stomaco, Laird Cregar morì improvvisamente per un attacco di cuore il 9 dicembre 1944, all'età di soli 31 anni. È sepolto al Forest Lawn Memorial Park di Los Angeles.

Filmografia[modifica | modifica sorgente]

Doppiatori italiani[modifica | modifica sorgente]

Nelle versioni in italiano dei suoi film, Laird Cregar è stato doppiato da:

  • Carlo Romano in Sangue e arena, Ragazze che sognano, Il fuorilegge, Il cigno nero, Nelle tenebre della metropoli
  • Gaetano Verna in Il cielo può attendere
  • Vinicio Sofia in Situazione pericolosa

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c Il chi è del cinema, De Agostini, vol. I°, 1984, pag. 118

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 107691756 LCCN: no93023439