La statua di sale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La statua di sale
Titolo originale The City and the Pillar
Autore Gore Vidal
1ª ed. originale 1948
Genere Romanzo
Lingua originale inglese
« Ora la moglie di Lot guardò indietro e divenne una statua di sale »
(Genesi 19,26)

La statua di sale è un romanzo dello scrittore statunitense Gore Vidal, pubblicato per la prima volta nel 1948 e riscritto nel 1965. Lo scrittore scandalizzò gli Stati Uniti con questo libro in cui vengono trattati temi legati all'omosessualità in modo esplicito; infatti il New York Times si rifiutò di pubblicizzare il libro e nessun giornale americano volle recensirlo.

In Italia è stato pubblicato anche con i titoli La città perversa e Jim.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Jim Willard è figlio di una famiglia della media borghesia del Sud: bello, atletico e schivo. È innamorato del suo migliore amico, Bob Ford. Il romanzo racconta l'ostinata ed ossessiva ricerca di Bob da parte di Jim, dopo aver trascorso insieme un fine settimana d'amore. Gli anni passano e Jim rimane ancorato al suo passato, come una statua di sale. Nessuno dei suoi amanti riesce ad avere il suo cuore. Tutto questo continua fino al nuovo incontro che finalmente riesce ad avere con Bob, che cambierà per sempre le loro vite.

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Gore Vidal, La città perversa, collana L'Olimpo: collezione dei grandi capolavori anglosassoni, Elmo, 1949, pp. 292.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]