L'insegnante viene a casa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
L'insegnante viene a casa
L'insegnante viene a casa.jpg
Titoli del trailer
Paese di produzione Italia
Anno 1978
Durata 90 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere commedia, erotico
Regia Michele Massimo Tarantini
Soggetto Luciano Martino, Francesco Milizia, Michele Massimo Tarantini
Sceneggiatura Jean Louis, Francesco Milizia, Michele Massimo Tarantini, Marino Onorati
Fotografia Giancarlo Ferrando
Montaggio Alberto Moriani
Musiche Franco Campanino
Scenografia Elio Micheli
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

L'insegnante viene a casa è un film del 1978 diretto dal regista Michele Massimo Tarantini.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Luisa De Dominicis, un'insegnante di pianoforte, va a vivere in un appartamento a Lucca per poter stare più vicino al suo fidanzato, l'assessore Ferdinando Bonci Marinotti; l'uomo, più vecchio di lei, è però già sposato.

Luisa, ignorando che è legato a un'altra donna, non vede l'ora di convolare a nozze con Ferdinando, e per questo motivo lo cerca sempre con insistenza. Ferdinando, essendo in politica, vuole evitare uno scandalo e un eventuale divorzio da sua moglie, quindi illude Luisa con promesse che poi non potrà mantenere.

Nel condominio dove è situato l'appartamento che occupa Luisa sono presenti diversi uomini e giovanotti, che, a causa della sua avvenenza e disinibizione, la scambiano per una prostituta, e tentano con varie scuse e sotterfugi di introdursi in casa per potersi approfittare di lei.

L'unico che riesce a distrarla da Ferdinando è Marcello, il figlio del dottor Busatti, che è anche il proprietario del palazzo. Luisa si innamora di Marcello, perché capisce che tra di loro non c'è solo attrazione fisica.

Il film termina con Ferdinando che crede di essere ancora al centro delle attenzioni di Luisa, quando in realtà è ormai diventato, a causa della sua noncuranza, solo un terzo incomodo.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]