Katherine Swynford

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Katherine Swynford, nata de Roet (1350Lincoln, 10 maggio 1403), era la figlia di Payne De Roet, un araldo fiammingo proveniente da Hainaut, nominato cavaliere poco prima della sua morte sul campo di battaglia.

Payne ebbe quattro figli: Katherine, Philippa, Walter e Isabel, che fu badessa del convento di San Waudru, a Mons, nell'odierno Belgio.

Vita[modifica | modifica wikitesto]

Fu educata in un convento a Romsey. Lasciò il convento quando aveva quindici anni e raggiunse la sorella Philippa, che faceva parte del seguito della regina Filippa di Hainaut, alla corte del re Enrico III d'Inghilterra. Katherine era molto bella e riuscì per questo a contrarre un matrimonio vantaggioso. Infatti attorno al 1366, all'età di sedici anni, Katherine sposò il cavaliere inglese Hugh Swynford (1340-1372), che possedeva il maniero di Kettlethorpe, nel Lincolnshire e faceva parte del seguito di Giovanni di Gand.
Katherine diede al marito almeno due figli, Thomas (1368-1432) e Blanche (nata nel 1370), ma è probabile che anche Margaret Swynford (nata nel 1369), poi entrata nel prestigioso convento noto come Barking Abbey, fosse loro figlia.
Katherine venne nominata governante delle due figlie di Giovanni di Gand (sorelle del futuro re Enrico IV) e della sua prima moglie Bianca di Lancaster.
Philippa Roet, sorella di Katherine, sposò il poeta Geoffrey Chaucer, che in occasione della morte di Bianca di Lancaster a causa della peste nel 1369 scrisse il poema Il Libro della Duchessa (The Book of the Duchess).
Poco dopo la morte di Bianca, Katherine divenne l'amante di Giovanni, che la ricompensò per le cure prestate alla moglie e alle figlie concedendole uno stemma, rosso con tre route dorate (Roet significa appunto ruota).
Nel 1371, mentre svolgeva il suo compito di soldato in Francia, morì Hugh Swynford, il marito di Katherine. Secondo le dicerie popolari fu avvelenato da Giovanni di Gand, ma tali voci non hanno alcun fondamento storico.
Nello stesso anno Giovanni si risposò con Costanza di Castiglia (figlia del re Pietro I di Castiglia).
Katherine diede a Giovanni quattro figli, e divenne nel 1373 la sua amante ufficiale. Intorno al 1381 la relazione si interruppe, e non si è a conoscenza del motivo. L'ipotesi più accreditata è la pressione dell'opinione pubblica attorno a questa relazione adultera. Giovanni era diventando infatti l'uomo più potente del regno, essendo zio, tutore e reggente per il nuovo re Riccardo II, salito al trono ad appena 10 anni. La vita di Giovanni era sotto gli occhi di tutti.
Katherine tornò a Kettlethorpe coi quattro figli avuti da Giovanni, chiamati da tutti i Bastardi Beaufort (dal nome di un possedimento di Giovanni in Francia). Ci si può rendere conto di come fosse vista Katherine dalle parole di alcuni cronisti delle abbazie di Saint Albans e Saint Mary che la definirono "a witch and a whore" (una strega e una meretrice) e "devil and enchantress" (demonio e incantatrice).
Nel 1394 Costanza di Castiglia morì. Giovanni decise di sposare la sua ex amante. Il matrimonio avvenne il 13 gennaio 1396 nella cattedrale di Lincoln. I Beaufort furono legittimati, a condizione che nessuno di loro rivendicasse il trono d'Inghilterra.
Dopo tre anni dal matrimonio Giovanni morì, e Katherine gli sopravvisse per quattro anni come Duchessa vedova di Lancaster.
Morì il 10 maggio 1403 e fu sempolta nella Cattedrale di Lincoln. I suoi resti non si trovano più in questo luogo poiché la tomba fu devastata nel 1644, durante la guerra civile inglese.

Discendenza[modifica | modifica wikitesto]

Da Hugh Swynford:

Da Giovanni di Gand:


Giovanni Beaufort, I conte di Somerset fu il bisnonno di Enrico VII d'Inghilterra e nonno di Giacomo II di Scozia.
Joan fu la nonna di Enrico IV e Riccardo III, che Enrico VII sconfisse per impadronirsi del trono.
Il figliastro di Katherine divenne re Enrico IV deponendo e facendo imprigionare Riccardo II al Castello di Pontefract, di cui il figlio di Katherine Thomas Swynford era amministratore, e si dice che quest'ultimo abbia fatto morire di fame Riccardo per favorire il suo fratellastro Enrico.
La sua figliastra Caterina (figlia di Giovanni e Costanza) fu la bisnonna di Caterina d'Aragona, prima moglie di Enrico VIII e madre della regina Maria I.

Da Katherine, una donna di origini relativamente modeste, discesero quindi i Tudor.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 807235 LCCN: nr2006026645