Conte di Leicester

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Coronet of a British Earl.svg
Conte di Leicester
Parìa Parìa d'Inghilterra
Parìa del Regno Unito
Data di creazione 1107
Creato da Enrico I d'Inghilterra
Primo detentore Robert de Beaumont, I conte di Leicester
Attuale detentore Edward Douglas Coke, VII conte di Leicester
Cronologia 1107 (I creazione)
1265 (II creazione)
1564 (III creazione)
1618 (IV creazione)
1744 (V creazione)
1784 (VI creazione)
1837 (VII creazione)
Trasmissione al primogenito maschio
Titoli sussidiari Barone Lovel, Visconte Coke
Predicato d'onore Right Honourable

Conte di Leicester, è un titolo ereditario della nobiltà inglese della Parìa inglese e della Parìa del Regno Unito.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Il titolo venne creato per la prima volta per Robert de Beaumont, della nobiltà normanna, il quale aveva già il titolo di Conte di Meulan e lo alternava regolarmente al proprio titol inglese. La linea maschile dei si estinse con la morte di Robert de Beaumont, IV conte di Leicester e le sue proprietà vennero divise tra le sue due sorelle, con Simone IV di Montfort, figlio della sorella maggiore, che acquisì Leicester e i diritti su quella contea (il marito della sorella minore, Saer de Quincy, venne creato conte di Winchester). De Montfort, ad ogni modo, venne riconosciuto come conte solo formalmente a causa dell'antipatia presente tra Francia ed Inghilterra a quel tempo. Suo figlio secondogenito, Simone V di Montfort, gli succedette prendendo possesso della contea e delle proprietà ad essa associate, venendo però ucciso durante la Battaglia di Evesham nel 1265. Le sue terre e il suo titolo passarono alla corona e vennero garantite al figlio minore del re, Edomondo.

Il figlio minore di Crouchback Tommaso Plantageneto perse i propri domini quando venne decapitato per tradimento nel 1322, ma alcuni anni dopo suo fratello minore Enrico venne ripristinato a questi titoli. La casata si estinse col figlio di Enrico, suo omonimo, il quale ebbe due figlie femmine e la maggiore di esse, Matilda, ricevette la contea ma data la sua prematura scomparsa il titolo passò a Giovanni Plantageneto, duca di Lancaster, marito di sua sorella minore, che venne poi creato duca Lancaster. Il figlio di questi, Enrico Bolingbroke, salirà poi al trono col nome di Enrico IV d'Inghilterra e i titoli rientreranno in possesso alla corona britannica.

La contea venne nuovamente creata per merito della regina Elisabetta I d'Inghilterra, la quale la concesse al suo favorito, Robert Dudley. Dal momento che Dudley morì senza eredi il titolo si estinse alla sua morte.

Il titolo venne ricreato per Robert Sidney, nipote del precedente, il quale ottenne anche il titolo sussidiario di Visconte Lisle il 4 maggio 1605. I Sidney mantennero il titolo sino alla morte del VII conte nel 1743, quando i titoli si estinsero.

Il titolo venne creato nuovamente per Thomas Coke, ma quando egli morì senza eredi esso si estinse ancora.

Il titolo venne concesso nuovamente nel 1784 a George Townshend, XVI Barone Ferrers di Chartley e VIII Barone Compton, figlio ed erede di George Townshend, IV visconte Townshend, poi primo marchese Townshend. La sua famiglia, discendeva da un ramo collaterale derivato da lady Lucy Sydney, figlia del secondo conte della creazione del 1618. La contea si estinse quando George Townshend, III marchese Townshend morì senza eredi nel 1855.

Le creazioni del 1744 e del 1837[modifica | modifica sorgente]

Thomas Coke, I conte di Leicester

La famiglia Coke discendeva dal noto giudice e politico Sir Edward Coke, Lord Chief Justice dal 1613 al 1616. Un suo discendente Thomas Coke era un valido patrono delle arti e nel 1728 venne elevato alla Parìa di Gran Bretagna col titolo di Barone Lovel nella contea di Oxford, e nel 1744 venne creato Visconte Coke di Holkham nella contea di Norfolk, e Conte di Leicester, nella Parìa di Gran Bretagna. Lord Leicester iniziò la costruzione di Holkham Hall nel Norfolk, attuale residenza ufficiale della famiglia. Egli sposò Margaret Tufton, XIX baronessa de Clifford (1700-1775) (vedi Barone de Clifford). Il loro unico figlio morì prima dei genitori e di conseguenza i titoli della casata si estinsero.

Da un ramo imparentato con la famiglia discese Thomas Coke che fu un noto politico e studioso di agricoltura. Conosciuto come "Coke di Norfolk", egli fu membro del parlamento per molti anni e contribuì significativamente alla riforma agraria inglese di fine Settecento. Nel 1837 egli ottenne che il titolo del suo prozio venisse concesso a lui ed egli venne perciò compreso nella Parìa del Regno Unito come Visconte Coke e Conte di Leicester', di Holkham nella contea di Norfolk. Quest'ultima designazione "di Holkham" era necessaria in quanto l'ultimo erede della creazione del 1784 a favore della famiglia dei marchesi Townshend non era ancora defunto (morirà nel 1855).

Conti di Leicester, prima creazione (1107)[modifica | modifica sorgente]

Conti di Leicester, seconda creazione (1265)[modifica | modifica sorgente]

Conti di Leicester, terza creazione (1564)[modifica | modifica sorgente]

Conti di Leicester, quarta creazione (1618)[modifica | modifica sorgente]

Conti di Leicester, quinta creazione (1744)[modifica | modifica sorgente]

Conti di Leicester, sesta creazione (1784)[modifica | modifica sorgente]

Conti di Leicester, settima creazione (1837)[modifica | modifica sorgente]

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Lords and Earls of Leicester
  • Levi Fox, "The Honor and Earldom of Leicester: Origin and Descent, 1066-1399", English Historical Review, 54 (1939), 385-402
  • Kidd, Charles, Williamson, David (editors). Debrett's Peerage and Baronetage (1990 edition). New York: St Martin's Press, 1990.
  • www.thepeerage.com

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]