Karyes (Monte Athos)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Karyes
comune
Καρυές
Karyes – Stemma Karyes – Bandiera
Il palazzo della Sacra Comunità
Il palazzo della Sacra Comunità
Localizzazione
Stato Grecia Grecia
Periferia Monte Athos
Unità periferica Non presente
Territorio
Coordinate 40°15′25″N 24°14′41″E / 40.256944°N 24.244722°E40.256944; 24.244722 (Karyes)Coordinate: 40°15′25″N 24°14′41″E / 40.256944°N 24.244722°E40.256944; 24.244722 (Karyes)
Altitudine 370 m s.l.m.
Abitanti 238 (2001)
Comuni confinanti Dafni, Uranopoli
Altre informazioni
Cod. postale 63086
Prefisso 23
Fuso orario UTC+2
Nome abitanti karyesini
Cartografia
Mappa di localizzazione: Grecia
Karyes

Karyes (in greco Καρυές) è un centro abitato del Monte Athos. È sede dell'amministrazione monastica e greca della piccola repubblica. Secondo il censimento greco del 2001 Karyes contava 238 abitanti e questo lo rende il paese più grande della Montagna Santa.

Storia e generalità[modifica | modifica sorgente]

Nel 1283, i Crociati, con l'autorizzazione dell'Imperatore Bizantino Michele Paleologo, attaccarono Monte Athos. I crociati devastarono il paese e uccisero molti monaci. I religiosi morti quell'anno sono commemorati come martiri dalla Chiesa ortodossa il 5 dicembre per i monasteri che seguono il Calendario Giuliano (il 5 dicembre corrisponde al 18 dicembre del Calendario Gregoriano).[1]

Veduta di Karyes

Karyes è il centro amministrativo, politico e culturale del Monte Athos: vi hanno sede l'organo deliberativo , la Sacra Comunità, e l'organo esecutivo, la Sacra Epistassia. Il palazzo che li ospita sorge sulla piazza principale, dietro la chiesa: è qui che viene rilasciato ai visitatori il Dhiamonitirion, ovvero il permesso di soggiorno. Sparse per il borgo si trovano le konàkia, le rappresentanze di diciannove monasteri (quello di Kutlumussìu, non ha una delegazione in quanto vicinissimo al capoluogo). A Karyes risiedono, inoltre, il Governatore della Grecia e l'ufficio di polizia. I serdàris sono le guardie locali che, spesso, indossano il caratteristico costume, simile a quello degli euzones di Atene.[2]

Gli edifici interessanti dal punto di vista storico-artistico sono: il Protàton, Skiti di Sant'Andrea, l'Accademia Athonita. Esistono due locande, un servizio sanitario, un ufficio postale e un forno. L'alberghetto, sito tra il posto di polizia e la deputazione del monastero Ivìron, negli anni ottanta mostrava ancora un ambiente con atmosfera di altri tempi, quasi medievale, con stanze e pareti di legno vecchio e tarlato, illuminate da candele: il vicino forno confezionava un pane speciale e appetitoso. Sempre in quel periodo Karyes era collegata da un'unica strada polverosa con il molo di Dafni, percorsa da un eccentrico autobus coloratissimo e vecchio di almeno un trentennio. Accanto all'ufficio postale era localizzata una bottega dove si vendeva di tutto, dall'icona alle sigarette.[3]

Il Protàton è la chiesa metropolitana e la costruzione più antica della repubblica (secolo X): la pianta è di tipo basilicale con tre absidi semicilindriche, il portico e la torre campanaria (dove ha sede la biblioteca) sono cinquecenteschi. Le pareti sono ricoperte di preziosi affreschi bizantini e l'iconostasi marmorea è caratterizzata da decorazioni geometriche. Vi si conserva l'icona più venerata dell'Athos: l'Axiòn esti, la Vergine con il Bambino.[4]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Capuani, p. 30
  2. ^ Capuani, p. 141
  3. ^ Capuani, p. 141
  4. ^ Capuani, p. 152

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Massimo Capuani, Monte Athos, Europìa, Novara 1991.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]


ortodossia Portale Ortodossia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di ortodossia