Jumilla

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jumilla
comune
Jumilla – Stemma
Jumilla – Veduta
Localizzazione
Stato Spagna Spagna
Comunità autonoma Flag of the Region of Murcia.svg Murcia
Provincia Flag of the Region of Murcia.svg Murcia
Territorio
Coordinate 38°29′N 1°20′W / 38.483333°N 1.333333°W38.483333; -1.333333 (Jumilla)Coordinate: 38°29′N 1°20′W / 38.483333°N 1.333333°W38.483333; -1.333333 (Jumilla)
Altitudine 520 m s.l.m.
Superficie 972 km²
Abitanti 25 348 (2008)
Densità 26,08 ab./km²
Comuni confinanti Abanilla, Abarán, Albatana (AB), Cieza, Fortuna, Fuente-Álamo (AB), Hellín (AB), Montealegre del Castillo (AB), Ontur (AB), Pinoso (A), Yecla
Altre informazioni
Cod. postale 30520
Prefisso (+34) 968
Fuso orario UTC+1
Targa MU
Nome abitanti Jumillana/o
Comarca Altiplano
Cartografia
Mappa di localizzazione: Spagna
Jumilla
Jumilla – Mappa
Sito istituzionale

Jumilla (in catalano Jumella) è un comune spagnolo di 25.348 abitanti (2008) situato nella comunità autonoma di Murcia.

È un comune agricolo conosciuto anche internazionalmente per il vino che porta il suo nome e viene prodotto nel territorio comunale.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Nella preistoria la presenza umana nella Murcia è certificata dai ritrovamenti archeologici e dalle numerose grotte con dipinti rupestri, che frequentemente s'incontrano nel suo territorio e che risalgono al Paleolitico. I primi abitanti stanziali dediti all'agricoltura e all'allevamento del bestiame furono gli Iberi ai quali si mescolarono i Celti, che avevano attraversato i Pirenei, e formarono il popolo detto dei Celtiberi.

L'occupazione romana si concretizzò nella comarca di Jumilla con la distribuzione di terre ai legionari congedati seguendo il sistema detto delle centuriazioni perché ad ogni legionario venivano assegnati cento iugeri di terreno, cioè circa 25 ettari. Nacquero così nella comarca diversi centri urbani di ex legionari.

Le invasioni barbariche nel V secolo portarono in questa regione i Visigoti che si vennero a trovare in conflitto con gli Arabi-Berberi sbarcati in Spagna nel 711. Portò la pace nel 713 il Trattato di Teodomiro (in arabo Tudmir) con il quale il re visigoto Teodomiro e gli Arabi si accordarono spartendosi i diversi territori e in base al quale Jumilla fece parte del Regno arabo di Murcia e vi rimase fino al XIII secolo quando nel 1241 Abenhud, re arabo di Murcia, sentendosi minacciato sia dai Cristiani che dagli Arabi del regno di Granada, decise di cedere il suo regno ad Alfonso X il Saggio re di Castiglia ottenendo in cambio la protezione per sé e per il suo popolo e la garanzia del rispetto delle loro tradizioni e della loro religione. Alla morte di Alfonso X si presentò un problema di successione e Jumilla passò agli Aragonesi ma vi rimase per poco tempo perché i nuovi governanti si rivelarono prepotenti e sopraffattori e i cittadini chiesero aiuta al re di Castiglia Pietro I che inviò le sue truppe comandate dal fratello e principe ereditario Federico Alfonso che occuparono Jumilla che ritornò ad essere parte del regno di Castiglia a partire dal 1356.

Nel 1445 la città divenne signoria della famiglia dei Villena e tale rimase fino al XIX secolo. I marchesi di Villena si adoperarono per incrementare l'agricoltura, l'allevamento del bestiame e l'edilizia pubblica e privata.

Nel 1911 il re di Spagna Alfonso XIII le conferì il titolo di "città" con le possibilità di autogoverno che ciò comportava. Le vicende e le turbolenze che si verificarono in Spagna nel XX secolo ebbero lo stesso peso per Jumilla come per il resto della nazione, ma non vi furono particolari episodi di storia locale. Attualmente Jumilla è una tranquilla cittadina agricola dedita essenzialmente alla produzione del suo vino, per il quale ha ottenuto il marchio di origine e che cerca sempre più di adeguare al gusto attuale, non puntando più tanto sull'alto tenore alcolico ma cercando di renderlo sempre più un prodotto raffinato, sostituendo anche alla precedente commercializzazione sfusa la vendita esclusivamente in bottiglia già a partire dal produttore. Questo comportamento si è rivelato efficace ed ha ottenuto buoni risultati sì da rendere appetibili i terreni viticoli anche agli investimenti stranieri, francesi in particolare.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica sorgente]

  • Castello del XV secolo.
  • Iglesia de Santiago, gotico rinascimentale dei secoli XV-XVI.
  • Convento de santa Ana del Monte del 1673.
  • Iglesia del Salvador , chiesa del XVIII secolo.
  • Ermita de San Anton, piccola chiesa del XVIII secolo.
  • Ermita de San José, del XVII secolo.
  • El Cason, costruzione tardo-romana del V secolo.
  • Arco de San Roque o Puerta de Granada, porta della città del XVII secolo.
  • Torre del Rico del 1573.
  • Teatro Vico del XIX secolo.
  • Ajuntamiento, palazzo del municipio adattato su altra costruzione nei secoli XIX-XX.
  • Baranco Ancho, scavi archeologici dell'insediamento romano dei secoli I e II.
  • Casa modernista, casa moderna in stile gaudiano del XX secolo.
  • Museo Municipal, museo di archeologia iberica, romana ed araba.
  • Museo del vino, contiene strumenti per la vitivinicultura a partire dal XIV secolo.
  • El cuco de Alberguilla. I cucos sono costruzioni in parte scavate nel terreno argilloso con portali in materiale vario costruiti dagli stessi contadini e sparsi in tutto il territorio.

Feste[modifica | modifica sorgente]

  • Settimana Santa, come nelle altre città spagnole consiste essenzialmente nelle processioni delle varie confraternite.
  • Fiestas Moros y Cristianos, dura tre giorni in agosto e il nucleo centrale è costituito da manifestazioni in cui le comparse rappresentano alcuni episodi della storia locale.
  • Fiestas de la Vindimia, è una serie di manifestazioni il cui scopo essenziale è quello di diffondere la cultura del vino, durante i giorni attorno al 15 di agosto dal venerdì alla domenica si svolgono convegni, mostre, si effettua solennemente una prima pigiatura dell'uva, si svolgono la cabalgata cioè la sfilata di carri allegorici, il concorso gara di menestrelli, gare di molti sport, gara di guida del trattore con e senza rimorchio.
  • Feria de Nuestra Seňora de Asuncion è una fiera di attrezzature e macchine agricole che si svolge in agosto assieme a tutte le altre feste di tale mese che costituiscono le Fiestas en honor de Nuestra Seňora de Asuncion.
  • Festival Nacional de Folklore con la partecipazione di gruppi folkloristici spagnoli ed anche di altre nazioni.
  • Romeria de Santa Ana del Monte pellegrinaggio al santuario di S.Anna del Monte che, dopo i riti religiosi, si trasforma in festa con pranzo all'aperto, canti, musica e balli secondo la tradizione spagnole delle romerias.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Spagna Portale Spagna: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Spagna