Johnny Otis

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Johnny Otis
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Genere Rhythm and blues
Blues
Jazz
Gospel
Rock and roll
Doo-wop
Soul
Funk
Jump blues
Periodo di attività anni 1930 – anni 2000
Strumento pianoforte, vibrafono, batteria, percussioni
Sito web

Johnny Otis, nome d'arte di Ioannis Alexandres Veliotes (Vallejo, 28 dicembre 1921Los Angeles, 17 gennaio 2012), è stato un cantante e musicista statunitense.

Il suo repertorio è stato ampio ed ha riguardato diversi generi musicali: rhythm and blues, blues e jump blues, jazz, gospel, rock & roll, doo-wop, soul e funk.

Ha inciso per varie etichette discografiche. La sua canzone più nota è stata Willie and the Hand Jive[1], del 1958, presentata al Johnny Otis Show.[2]

È altresì noto per le sue notevoli capacità di talent scout (ha lanciato artisti del calibro di Etta James e Big Mama Thornton).[3]

Nel 2000 il suo nome è stato iscritto nella Blues Hall of Fame.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Figura eclettica di talent scout, disc jockey, compositore, arrangiatore, bandleader e produttore discografico, come polistrumentista è stato vibrafonista, batterista, percussionista, pianista, produttore teatrale.

Ha svolto anche attività di pastore ed è stato soprannominato il "Padrino del Rhythm and blues".[4][5][6]

Figlio di emigrati dalla Grecia (il padre Alexander J. Veliotes alternava l'attività di droghiere a quella di scaricatore di porto sulla Mare Island; la madre, Irene Kiskakes, era pittrice), è fratello maggiore di Nicholas A. Veliotes, già ambasciatore USA in Giordania dal 1978 al 1981 e poi in Egitto dal 1984 al 1986.

Ricordato per la scelta di svolgere la sua attività di musicista all'interno della comunità afro-americana[7][8][9], ha riaffermato la sua volontà di essere vicino al popolo di colore nel suo scritto del 1968, con prefazione di George Lipsitz, Listen to the Lambs (University of Minnesota Press. ISBN 978-0-8166-6531-0).

È padre del musicista Shuggie Otis.

Discografia[modifica | modifica sorgente]

Singoli[modifica | modifica sorgente]

Anno Titolo Artisti Classifica
US Pop[10] US
R&B
[11]
UK[12]
1948 "That's Your Last Boogie" Joe Swift with Johnny Otis & His Orchestra - 10 -
1950 "Double Crossing Blues" Johnny Otis Quintette, The Robins and Little Esther - 1 -
"Mistrustin' Blues" /
"Misery"
Little Esther with Mel Walker and the Johnny Otis Orchestra
Little Esther with the Johnny Otis Orchestra
-
-
1
9
-
-
"Cry Baby" The Johnny Otis Orchestra, Mel Walker and the Bluenotes - 6 -
"Cupid Boogie" The Johnny Otis Orchestra, Little Esther and Mel Walker - 1 -
"Deceivin' Blues" Little Esther and Mel Walker with the Johnny Otis Orchestra - 4 -
"Dreamin' Blues" Mel Walker with the Johnny Otis Orchestra - 8 -
"Wedding Boogie" /
"Far Away Blues (Xmas Blues)"
Johnny Otis' Congregation: Little Esther, Mel Walker, Lee Graves
The Johnnie Otis Orchestra with Little Esther and Mel Walker
-
-
6
6
-
-
"Rockin' Blues" The Johnny Otis Orchestra with Mel Walker - 2 -
1951 "Gee Baby" /
"Mambo Boogie"
The Johnny Otis Orchestra -
-
2
4
-
-
"All Nite Long" The Johnny Otis Orchestra - 6 -
1952 "Sunset To Dawn" Mel Walker with the Johnny Otis Orchestra - 10 -
"Call Operator 210" Johnny Otis and His Orchestra featuring Mel Walker - 4 -
1957 "Ma He's Making Eyes At Me" Johnny Otis and His Orchestra with Marie Adams and The Three Tons of Joy - - 2
1958 "Bye Bye Baby" The Johnny Otis Show, vocals by Marie Adams and Johnny Otis - - 20
"Willie and the Hand Jive" The Johnny Otis Show 9 1 -
"Crazy Country Hop" The Johnny Otis Show 87 - -
1959 "Castin' My Spell" The Johnny Otis Show 52 - -
1960 "Mumblin' Mosie" The Johnny Otis Show 80 - -
1969 "Country Girl" The Johnny Otis Show - 29 -

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Rollingstone.com: Bandleader Johnny Otis, 'Godfather of R&B,' Dead at 90. URL consultato il 21-01-2012.
  2. ^  Willie and the Hand Jive. YouTube. URL consultato in data 21-01-2012.
  3. ^ The History of Rock Music. Johnny Otis: biography, discography, reviews, links
  4. ^ Morto Johnny Otis, il 'padrino del rhythm and blues', Rockol.it. URL consultato il 21 gennaio 2012.
  5. ^ Randy Lewis, Johnny Otis obituary: R&B singer, drummer, bandleader dies at 90, latimes.com. URL consultato il 21 gennaio 2012.
  6. ^ Johnny Otis, www.history-of-rock.com. URL consultato il 21 gennaio 2012.
  7. ^ Bill Dahl, Johnny Otis in Allmusic, Rovi Corporation.
  8. ^ "Johnny Otis" entry at Soulbot.com"
  9. ^ Powers, Ann (2007-03-27). "Will the real Stone rise up?". Los Angeles Times.
  10. ^ Joel Whitburn, Top Pop Singles 1955-2002, 1st, Menomonee Falls, Wisconsin, Record Research Inc., 2003, p. 529, ISBN 0-89820-155-1.
  11. ^ Joel Whitburn, Top R&B/Hip-Hop Singles: 1942-1995, Record Research, 1996, p. 336.
  12. ^ Graham Betts, Complete UK Hit Singles 1952-2004, 1st, London, Collins, 2004, p. 577, ISBN 0-00-717931-6.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 54333440 LCCN: n81082502