Jean Cau

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando l'omonimo canottiere francese, vedi Jean Cau (canottiere).

Jean Cau (Bram, 8 luglio 1925Parigi, 18 giugno 1993) è stato uno scrittore, giornalista e sceneggiatore francese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Scrittore e saggista. Segretario di Jean-Paul Sartre, è stato giornalista e reporter per l'Express, Le Nouvel Observateur, Le Figaro e Paris-Match.

Proveniente dall'estrema sinistra, si è avvicinato progressivamente (dal 1960) verso la destra radicale, il Groupement de recherche et d'études pour la civilisation européenne (GRECE, chiamato anche "Nouvelle Droite"), scrivendo testi anticonformisti che criticavano la sinistra, la decadenza dell'Europa ed esaltando le tradizioni europee.

Ha scritto la sceneggiatura di film come "Borsalino" e "Il ribelle di Algeri" e il soggetto di "Una donna come me".

In Italia sono stati pubblicati romanzi e saggi: Il cavaliere, la morte e il diavolo (Volpe 1979), Una passione per Che Guevara (Vallecchi 2004), La pietà di Dio (Mondadori 1962), Il Papa è morto (Volpe 1969), Il popolo, la decadenza e gli dei (Settecolori, 1993).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 109379000