James Oliver Curwood

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Frontespizio di The Grizzly King (1916), pubblicato in italiano con il titolo L'orso grigio

James Oliver Curwood (Owosso, 12 giugno 187813 agosto 1927) è stato uno scrittore statunitense, cantore del Grande Nord come il suo contemporaneo Jack London.

Dai suoi racconti e romanzi sono stati tratti decine di film già dagli anni dieci e fino agli anni cinquanta. È stato poi il regista francese Jean-Jacques Annaud a riscoprirlo alla fine degli anni ottanta, con il film L'orso, basato sul romanzo The Grizzly King. La casa dello scrittore, Curwood Castle, è diventata un museo a Owosso, nel Michigan.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Curnwood nacque a Owosso, il più piccolo di quattro fratelli. Lasciò le scuole superiori prima del diploma, ma superò gli esami per entrare all'Università del Michigan, dove studiò giornalismo. Dopo due anni, lasciò il college per diventare reporter. Nel 1900, Curwood vendette la sua prima storia mentre stava lavorando per la Detroit News-Tribune.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Dai romanzi e dai racconti di Curwood, dagli anni dieci fino agli anni novanta, sono stati tratti duecento film, sia per il grande schermo che per la televisione.[senza fonte]

Filmografia[modifica | modifica sorgente]

Sceneggiatore[modifica | modifica sorgente]

Produttore[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 12306954 LCCN: n50020530