James May

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
James Daniel May

James Daniel May (Bristol, 16 gennaio 1963) è un conduttore televisivo e giornalista inglese.

Giovinezza[modifica | modifica sorgente]

James è nato a Bristol, primo di quattro figli. Nei suoi primi anni ha frequentato la Caerleon Dotato Junior School di Newport. Ha trascorso la sua adolescenza nello Yorkshire del sud dove frequentò la Oakwood Comprehensive School di Rotherham e fu corista nella chiesa di Whiston Parish. È stato anche compagno di studi della star Dean Andrews di Life on Mars e Ashes to Ashes. Si dimostrò un bravo flautista e pianista e perciò andò a studiare musica al Pendle College della Lancaster University. Dopo la laurea, ha brevemente lavorato in un ospedale a Chelsea come un ufficiale di record, ed ha avuto una breve esperienza nel servizio di Sua Maestà.

Vita personale[modifica | modifica sorgente]

James ha una relazione dal 2000 con la critica di danza Sarah Frater e vive a Hammersmith.

Attività[modifica | modifica sorgente]

May è ben conosciuto al pubblico inglese come presentatore dello show televisivo motoristico Top Gear che conduce insieme a Jeremy Clarkson e Richard Hammond. Cura inoltre una rubrica settimanale nella sezione motoristica del Daily Telegraph.

In Top Gear il suo soprannome è Captain Slow ("capitan lento"), dovuto al suo stile di guida "tranquillo". Un altro soprannome che si è guadagnato è Captain Sense-Of-Direction ("capitan senso dell'orientamento"), perché non riesce a distinguere qual è la sua sinistra, qual è la sua destra e dove sta andando. Tuttavia ha siglato delle prestazioni eccezionali di guida veloce. È diventato uno dei pochi al mondo ad avere portato la Bugatti Veyron alla sua velocità massima di 407 km/h, e la Bugatti Veyron Super Sport a 417 km/h. May è spesso preso in giro e subisce molti scherzi da parte di Jeremy Clarkson e Richard Hammond durante la trasmissione Top Gear.

May e Jeremy Clarkson sono state le prime persone, insieme a un piccolo gruppo di supporto islandese, a raggiungere il Polo Nord magnetico in auto (una Toyota Hilux appositamente preparata, 4x4). La spedizione è stata trasmessa in uno speciale di Top Gear del 25 luglio 2007 e nel 27 dicembre 2008 in Italia. Secondo Clarkson, James è stato "la prima persona a raggiungere il Polo Nord, ma che in realtà avrebbe voluto essere da tutt'altra parte"[1].

È stato uno dei pochi uomini a volare con l'U2 statunitense, un aereo da ricognizione da altissima quota, per le riprese del documentario James May at the Edge of Space. Ha avuto modo di volare ai confini della stratosfera in tuta spaziale, obbligatoria su quel tipo di velivolo.

Durante lo Special della 19ª serie di Top Gear andata in onda nel 2013, scopre inoltre la fonte del fiume Nilo dopo una lunga spedizione a bordo di una Volvo 850r attraverso l'Africa.

Opere[modifica | modifica sorgente]

Televisione[modifica | modifica sorgente]

  • Top Gear (formato originale) (18 marzo–3 giugno 1999)
  • Top Gear (11 maggio 2003—)
  • James May's Top Toys (2005)
  • Oz and James's Big Wine Adventure (2006)
  • Inside Killer Sharks (2006)
  • Top Gear of the Pops (2007)
  • James May's 20th Century (2007)
  • James May: My Sister's Top Toys (2007)
  • Top Ground Gear Force (2008)
  • Oz and James Drink to Britain (2009)
  • James May on the Moon (2009)
  • James May at the Edge of Space (2009)
  • James May's Toy Stories (2009)
  • L'involuzione della specie (2010)
  • James May's Man Lab (2010 - 2013)
  • Le invenzioni del XX Secolo (2012)
  • Cars Of The People (2014)

DVD[modifica | modifica sorgente]

  • James Mays Motormania Car Quiz (2006)
  • Oz and James's Big Wine Adventure, Prima stagione (2006)
  • Oz and James's Big Wine Adventure, Seconda stagione (2008)

Libri[modifica | modifica sorgente]

Doppiatori italiani[modifica | modifica sorgente]

Nelle versioni in lingua italiana dei suoi programmi trasmessi dalla Rai, May è doppiato da Massimo De Ambrosis. Mentre nel programma automobilistico di Top Gear, è doppiato da Stefano Albertini.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Jeremy Clarkson: [...] the first person to go to the North Pole who didn't want to be there.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 39621183