Józef Maksymilian Ossoliński

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
"Portret Jozefa Maksymiliana Ossolinskiego", ritratto di Ossoliński eseguito dal pittore polacco Jan Maszkowski.

Józef Maksymilian Ossoliński, conte di Wola, (Wola Miliecka, 10 agosto 1748Vienna, 17 marzo 1826), è stato un politico e scrittore polacco. Apparteneva alla nobile famiglia degli Ossoliński, della szlachta, l'alta nobiltà polacca, e suo fratello minore era Józef Kajetan Ossoliński.

Fu membro della "Società degli amici della scienza", della "Società scientifica di Varsavia", delle accademie di Cracovia e Vilnius, delle Società reali di Praga, Gottinga e Vienna. Ottenne la laurea honoris causa presso l'Università Jagellonica di Varsavia e fu bibliotecario di corte a Vienna.

Fu presidente della regione della Galizia e durante la rivolta di Kościuszko, fu membro della Commissione nazionale dell'educazione. Nel 1794 venne esiliato e si rifugiò in Austria, dove fu ospite del principe Michał Hieronim Radzwiłł a Vienna.

Nel 1817 donò la sua collezione di libri agli Archivi di Varsavia e fondò l'Ossolineum di Lwów (Leopoli).

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 10189237 LCCN: n85129317