Isola Budelli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Budelli
La spiaggia rosa dell'Isola di Budelli
La spiaggia rosa dell'Isola di Budelli
Geografia fisica
Localizzazione Mar Tirreno
Coordinate 41°17′08″N 9°21′34″E / 41.285556°N 9.359444°E41.285556; 9.359444Coordinate: 41°17′08″N 9°21′34″E / 41.285556°N 9.359444°E41.285556; 9.359444
Arcipelago Arcipelago di La Maddalena
Superficie 1,60 km²
Sviluppo costiero 12,3 km
Altitudine massima 87 m s.l.m.
Geografia politica
Stato Italia Italia
Regione Sardegna Sardegna
Provincia Olbia-Tempio Olbia-Tempio
Comune La Maddalena-Stemma.png La Maddalena
Demografia
Abitanti 1
Cartografia
Mappa di localizzazione: Sardegna
Budelli

[senza fonte]

voci di isole d'Italia presenti su Wikipedia

Budelli è un'isola appartenente all'arcipelago di La Maddalena, situata all'estremo nord della Sardegna presso le bocche di Bonifacio. Fa parte, assieme alle altre isole, del Parco nazionale dell'arcipelago di La Maddalena. L'isola è abitata da una sola persona, che è anche il custode.

Geografia[modifica | modifica sorgente]

L'isola di Budelli si trova poche centinaia di metri a sud delle isole di Razzoli e Santa Maria, separata dal passo "Chiecca di Morto". Ha una superficie di 1,6 chilometri quadrati e uno sviluppo costiero di 12,3 chilometri. Il monte Budello rappresenta il punto più alto dell'isola, raggiungendo la quota di 88 metri.

Budelli è considerata una delle più belle isole del Mediterraneo, nonché simbolo del Parco nazionale; è conosciuta anche all'estero per via della sua famosa spiaggia rosa, situata nella parte sud-orientale dell'isola, che deve il suo colore tipico ai frammenti sminuzzati di un microrganismo chiamato Miniacina miniacea[1].

Storia[modifica | modifica sorgente]

Le isole dell'arcipelago, conosciute già dai Romani col nome di insulae Cuniculariae, erano probabilmente abitate in epoca preistorica visto che si trovano sulla rotta dell'ossidiana tra Sardegna, Corsica e Toscana. Nei fondali circostanti furono rinvenute alcune parti di una kylix attica a figure rosse con foglie e tralci di vite, risalente al V secolo a.C. Nel 1964 sulla spiaggia rosa furono girate alcune sequenze del film Deserto rosso, di Michelangelo Antonioni[1].

Nel 2013 un emendamento della commissione bilancio del Senato della Repubblica, politicamente condiviso, permette lo stanziamento di circa 3 milioni di euro da parte dello stato italiano per il riacquisto dell'isola nel 2014.[2]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b La Spiaggia Rosa. URL consultato il 19 dicembre 2010.
  2. ^ Riacquisto dell'isola da parte dello stato. URL consultato il 25 novembre 2013.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Sardegna Portale Sardegna: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Sardegna