Iginio Rogger

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Iginio Rogger a una conferenza nel 2011

Mons. Iginio Rogger (Pergine Valsugana, 20 agosto 191912 febbraio 2014) è stato un presbitero e storico italiano, studioso della storia della Chiesa trentina.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

È nato a Pergine ma è cresciuto a Levico[1], primo dei nove figli di Francesco e Faustina Persiali, originaria di Armo in Val Vestino. Ha studiato a Roma presso la Pontificia Università Gregoriana laureandosi in filosofia e teologia. Nel 1945 è stato ordinato sacerdote e nel 1951 ha conseguito un dottorato in storia della Chiesa. Ha quindi iniziato ad insegnare la materia al seminario teologico di Trento, e nel 1955 anche Liturgia. Nel 1960 ha conseguito la libera docenza.

Negli anni cinquanta è anche diventato direttore del Museo diocesano tridentino di Trento.

Nel 1965 fu il "principale ispiratore" dell'abolizione del culto del Simonino ad opera dell'arcivescovo Alessandro Maria Gottardi.[2] Ha inoltre messo in discussione la storicità del martirio di San Vigilio.[3].

Nel 1975 ha fondato l'Istituto di scienze religiose presso l'Istituto trentino di cultura (ITC).[1][4] Ha fatto parte per il Trentino della tavola rotonda formata per l'istituzione della Euregio Tirolo-Alto Adige-Trentino.[5]

Nel 1998 Trento gli ha conferito l'Aquila di San Venceslao.[6] Nel 1999 in occasione del suo ottantesimo compleanno il Centro per le scienze religiose in Trento dell'ITC ha pubblicato una miscellanea di studi in suo onore.[7] Il 12 aprile 2006 l'Università di Trento gli ha conferito una laurea honoris causa in giurisprudenza.[8] L'elogio è stato tenuto dal prof. Diego Quaglioni.[9]

È morto il 12 febbraio 2014 all'età di 94 anni.[10]

Lista parziale delle opere[modifica | modifica sorgente]

  • (con Antonio Quacquarelli et al.) I Martiri Della Val Di Non E La Reazione Pagana Alla Fine Del IV secolo: Atti Del Convegno Tenuto a Trento Il 27-28 marzo 1984, EDB. ISBN 8810403592
  • (curato insieme a Marco BellaBarba) Il principe vescovo Johannes Hinderbach (1465-1486) fra tardo Medioevo e Umanesimo, Comune di Trento - Istituto di Scienze Religiose in Trento, Edizioni Dehoniane, Bologna 1992 (Atti del Convegno promosso dalla Biblioteca Comunale di Trento 2-6 ottobre 1989)
  • Il Duomo di Trento, Museo diocesano, Trento 1982 (II ed.).
  • "Celestino Endrici" in Dizionario Biografico degli Italiani (1993) Istituto dell'Enciclopedia italiana, vol. 42, pp. 660-663.
  • "Riconsiderazioni sulla storia della Chiesa locale trentina" in Storia del Trentino a cura di Lia de Finis, Didascalibri, Trento, 1994.
  • (con Giuseppe Alberigo), Il Concilio Di Trento: Nella Prospettiva Del Terzo Millennio. Atti Del Convegno Tenuto a Trento Il 25-28 settembre 1995, Morcelliana. ISBN 8837216556
  • "Un ricordo di Hubert Jedin a vent'anni dalla morte" (2001) 22(2) Cristianesimo nella storia pp. 307-313.
  • (curato insieme a Enrico Cavada) L'antica basilica di San Vigilio in Trento - Storia - Archeologia - Reperti, (2 voll.), Museo diocesano tridentino, Trento 2001.
  • "Archeologia e agiograpia sulla basilica di San Vigilio en Trento" (2004) 21 Antigüedad y cristianismo: Monografías históricas sobre la Antigüedad tardía pp. 437-446.
  • Iginio Rogger, 1965: Trento cancella il rito del Simonino il bambino martirizzato dai «giudei», l'Adige, 22 marzo 2007. URL consultato il 6/6/2008.
  • "In margine al caso Simonino di Trento. Aspetti istituzionali e morali della questione" [Lectio magistralis] in Diego Quaglioni & Fulvio Zuelli (ed), Omaggio a Iginio Rogger. Conferimento della laurea honoris causa in Giurisprudenza. Trento, 12 aprile 2006, CEDAM, 2008.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Ettore Paris, La Chiesa trentina dal Simonino a Ratzinger, (Intervista a mons. Iginio Rogger) Questotrentino, 8 maggio 2006. URL consultato il 5/6/2008.
  2. ^ Lo storico della Chiesa trentina: «Simonino non perì per mano ebrea», Avvenire, 8 febbraio 2007 (sul sito del CESNUR). URL consultato il 5/6/2008.
  3. ^ Iginio Rogger, Riconsiderazioni sulla storia della Chiesa locale Trentina, in Storia del Trentino, a cura di Lia de Finis, Didascalibri, 1994, pp. 55-61.
  4. ^ Istituto di Scienze Religiose, Istituto trentino di cultura. URL consultato il 5/6/2008.
  5. ^ Sergio Benvenuti, Storia del Trentino. Volume II - Fatti, personaggi, istituzioni nell'evoluzione di un paese di confine, Casa Editrice Panorama, Trento, 1995, p. 274.
  6. ^ Storia religiosa, Istituto trentino di cultura. URL consultato il 5/6/2008.
  7. ^ Emanuele Curzel (ed), In factis mysterium legere. Miscellanea di studi in onore di Iginio Rogger in occasione del suo ottantesimo compleanno.. URL consultato il 5/6/2008.
  8. ^ Andrea Tomasi, Laurea d'onore a mons. Iginio Rogger, l'Adige (ripubblicato su "Orizzonti"), 2 aprile 2006. URL consultato il 6/6/2008.
  9. ^ Diego Quaglioni, Elogio di Monsignor Iginio Rogger (PDF), Università degli Studi di Trento. URL consultato il 5/6/2008.
  10. ^ È morto mons. Iginio Rogger, Museo diocesano trentino. URL consultato il 12-2-2014.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Quaglioni Diego, Zuelli Fulvio (a cura di), Omaggio a Iginio Rogger. Conferimento della laurea honoris causa in Giurisprudenza. Trento, 12 aprile 2006, CEDAM, 2008. ISBN 9788813280949

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]