Honky tonk

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
The Honky Tonk Blues - geograph.org.uk - 1625960

Il termine Honky tonk ha origine negli Stati Uniti d'America a New Orleans al tempo del proibizionismo: con tale termine si indicavano le fabbriche abusive di gin; più tardi si chiamarono così (o nomi simili come honkatonks, honkey-tonks, tonks o tunks) anche le taverne (o bar) con annessa sala da ballo; originariamente erano riservate al sottoproletariato di colore.

Tecnica e stile[modifica | modifica wikitesto]

La tecnica stilistica della musica honky tonk è rappresentata dalla spinta delle triadi massicce della mano sinistra che genera uno slancio enorme, accresciuto dai ritmi incrociati fantasticamente complessi (benché naturalmente intuitivi) della mano destra[1].

Spesso la musica che si eseguiva in questi locali, sempre più simile allo Stride piano, veniva chiamata anche barrelhouse music. La barrelhouse (letteralmente: casa del barile) era considerata volgarmente la bettola in cui soprattutto la birra veniva servita da un barile posizionato sul banco di mescita. Questo locale assume un’importanza notevole per la crescita del ragtime poiché proprio in esso ebbe i natali un bizzarro stile che tutti definirono ragtime ma che invece risultava essere un ibrido tra il piano-blues e il piano-rag, e che -tutto sommato- rappresentava proprio il barrelhouse style.[2]

In musica, honky tonk definisce una sonorità, uno stile particolare del pianoforte, che acquista una timbrica tipica, ad esempio, dei pianoforti verticali dell'epoca del Far West o nelle colonne sonore delle comiche.

Questo stile musicale è il precursore del ragtime, forma musicale che è nata agli inizi del Novecento e che costituisce la progenitrice del Jazz. È assimilabile anche, per certi versi al country e al blues.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Gildo De Stefano, Ragtime, Jazz & dintorni, Sugarco Edizioni, Milano 2007
  2. ^ Gildo De Stefano, Ragtime, Jazz & dintorni, Sugarco Edizioni, Milano 2007, Capitolo, Barrelhouse piano e honky tonk piano

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]