Hauptverwaltung Aufklärung

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Hauptverwaltung Aufklärung
(HVA)
Descrizione generale
Attiva 1960-1990
Nazione Germania Est Germania Est
Tipo Agenzia d'intelligence
Compiti Controspionaggio
Sede Karlshorst, Berlino
Parte di
Abteilungen (dipartimenti)
21
Comandanti
Direttore Markus Wolf (1960-1986)
Werner Grossmann (1986-1990)

[senza fonte]

Voci di forze di polizia presenti su Wikipedia

L'Hauptverwaltung Aufklärung (HVA) è stato il servizio segreto di spionaggio all'estero della Repubblica Democratica Tedesca e faceva parte del Ministero per la Sicurezza di Stato (cioè della Stasi). Venne diretto da Markus Wolf, conosciuto come l'uomo senza volto, per la quasi totalità della vita dell'agenzia.

Il compito dell'HVA era quello di spiare (dal punto di vista politico, economico, militare e tecnologico) le altre nazioni e aveva inoltre un compito di contropionaggio. Data la situazione geopolitica della DDR, l'HVA diede particolare attenzione alla Germania Federale e riuscì ad infiltrarne i vertici, come ad esempio nel caso Guillaume.

Nel 1989 l'HVA aveva 21 dipartimenti (Abteilungen) e 5 gruppi di lavoro (Arbeitsgruppen). I suoi agenti si sentivano un'élite all'interno della Stasi, in quanto diplomati o laureati, con la possibilità di viaggiare all'estero e diretti da un uomo colto e intelligente[1].

Nel 1990, conseguentemente allo lo scioglimento della Stasi venne sciolto anche l'HVA.

Cooperazione con il KGB[modifica | modifica sorgente]

L'HVA collaborò attivamente con gli altri servizi del Patto di Varsavia ed in particolare col KGB; ha inoltre effettuato diverse operazioni nei paesi NATO in Europa, mentre non è riuscita a prendere piede negli Stati Uniti.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ A. Funder, op. cit.[1]

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]