Hassaniyya

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

La ḥassāniyya (o, secondo altre traslitterazioni, hassanya, hasaniyya, hassaniya, ḥassānīya, assanya, in in arabo: الحسانية), o ḥassānī[1], arabo mauritano o mauro, o localmente klâm hassân «parlata dei Banu Hassan», klâm el-bidhân «parlata dei Bianchi»[2], è un dialetto arabo parlato in Mauritania, nel Sahara occidentale, nel sud del Marocco (Guelmim, Assa, nei Mhamid el Ghizlane (in arabo: محاميد الغزلان, Maḥāmid al-Ghizlān), Tarfaya, nel deserto algerino, nel Senegal e nell'estremo settentrione del Mali e del Niger.

In questa ampia area geografica essa costituisce la lingua materna di una popolazione di tipo mauro, in maggioranza araba o arabizzato.

In origine dialetto dei beduini del clan dei Banū Ḥassān, essa è fortemente influenzata dall'arabo letterale, dalla lingua zenaga (lingua berbera della Mauritania), come pure dalle lingue niger-kordofaniane con le quali è in contatto, fra cui il wolof e il soninké.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Si veda in Constitution marocaine
  2. ^ Pagina della hassaniyya sul sito del "Laboratoire de langues et civilisations à tradition orale".