Guillaume Benjamin-Amand Duchenne

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Guillaume-Benjamin-Amand Duchenne

'Guillaume-Benjamin-Amand Duchenne'de Boulogne (Boulogne-sur-Mer, 17 settembre 1806Parigi, 15 settembre 1875) è stato un neurologo francese che riprese le ricerche di Galvani e fece avanzare in modo sostanziale la scienza della elettrofisiologia muscolare.

L’era della neurologia moderna progredì grazie alle scoperte di Duchenne riguardo alla conducibilità dei neurotrasmettitori, l’effetto di lesioni di queste strutture e l’introduzione della biopsia muscolare. Egli fu il primo a praticare la biopsia muscolare, la raccolta di un campione di tessuto vivo con una invenzione che lui chiamò "l'emporte-pièce" (l'arpione di Duchenne). Il suo libro, Mécanisme de la physionomie humaine fu il primo testo di neurofisiologia sull’emozione e stabilì un punto di riferimento nella storia della fotografia in ambito medico. Comunque, il contributo più grande riguardò le miopatie che adesso portano il suo nome: Distrofia di Duchenne, atrofia muscolare spinale di Duchenne-Aran e la paralisi di Duchenne-Erb.

I contemporanei di Duchenne aggiunsero “de Boulogne” al suo nome per evitare di confonderlo con il nome assonante di Edouard Adolphe Duchesne (1804-1869), un famoso medico.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Guillaume-Benjamin Duchenne nacque in una famiglia di pescatori a Boulogne-sur-Mer il 17 settembre 1806. Duchenne andò in un liceo locale a Douai, dove si diplomò all’età di 19 anni. Dal 1827, all’età di 21 anni, studiò medicina sotto l’insegnamento di professori come René-Théophile-Hyacinthe Laënnec (1781-1826), il barone Guillaume Dupuytren (1777-1835), François Magendie (1783-1855), e Léon Cruveilhier (1791-1874). Si laureò in medicina a Parigi durante nel 1831 e presentò la sua Thèse de Médecine, una monografia sulle bruciature, prima di ritornare alla nativa Boulogne dove iniziò il praticantato. Duchenne si sposò nel 1831, ma sua moglie morì di febbre puerperale durante una gravidanza due anni dopo. La matrigna di Duchenne fece circolare voce che la morte di sua moglie fu causata dal fatto che egli solo era presente al parto, e dopo ciò gli fu tolto suo figlio dalla famiglia della moglie, il quale si riunì al padre solo quando egli stava per morire.

Durante il 1835, Duchenne iniziò la sperimentazione della elettropuntura terapeutica (una tecnica recentemente inventata da Magendie e Jean-Baptiste Sarlandière che prevede la somministrazione di una scossa elettrica sotto pelle con degli elettrodi affilati per stimolare i muscoli). Dopo un breve ed infelice secondo matrimonio, Duchenne ritornò a Parigi nel 1842 per continuare le sue ricerche mediche. Li gli sviluppò una tecnica non invasiva si stimolazione muscolare che sfruttava una scossa faradica sulla superficie della pelle che fu chiamata "electrisation localisee". Egli spiegò queste teorie nella sua opera De l'Électrisation Localisée et de son Application à la Physiologie, à la Pathologie et à la Thérapeutique, pubblicata per la prima volta nel 1855[1]. Un supplemento illustrato alla seconda edizione, Album de Photographies Pathologiques, fu pubblicato nel 1862. Alcuni mesi dopo la prima edizione di questo libro molto discusso fu pubblicato Mecanisme de la Physiologie Humaine[2]. Ma fu con la sua ulteriore pubblicazione Physiologie des mouvements démontrée à l'aide de l'expérimentation électrique et de l'observation clinique, et applicable à l'étude des paralysies et des déformation[3] risultato di oltre 20 anni di studio, che consegnò il suo importante contributo alla scienza medica.

Nonostante le sue procedure non ortodosse e le frequenti relazioni scomode con gli elementi più anziani dello staff con cui lavorava, le sue ricerche esatte ed inflessibili presto gli portarono una fama internazionale come un neurologo all’avanguardia nel suo campo. Inoltre egli fu considerato come uno degli sviluppatori della elettrofisiologia ed elettroterapia. Attraverso l’elettricità egli scoprì anche che i sorrisi risultanti dalla vera felicità non utilizzano soltanto i muscoli della bocca ma anche quelli degli occhi. Questi sorrisi “genuini” sono conosciuti come sorrisi Duchenne in suo onore. È a lui attribuita la scoperta della distrofia di Duchenne. Duchenne morì di emorragia nel 1875, dopo diversi anni di malattia.

Opere[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ De l'Électrisation Localisée et de son Application à la Physiologie, à la Pathologie et à la Thérapeutique, pubblicato Paris, J.B. Baillière, 1855. Questo fu seguita da una seconda edizione nel 1861 ed una terza nel 1872
  2. ^ Mecanisme de la Physiologie Humaine, Ist Edition 1862-3; 2nd Edition, published Paris, J.B. Baillière, 1876
  3. ^ Physiologie des mouvements démontrée à l'aide de l'expérimentation électrique et de l'observation clinique, et applicable à l'étude des paralysies et des déformation, published during 1867

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Freitas-Magalhães, A., & Castro, E. (2009). The Neuropsychophysiological Construction of the Human Smile. In A. Freitas-Magalhães (Ed.), Emotional Expression: The Brain and The Face (pp.1-18). Porto: University Fernando Pessoa Press. ISBN 978-989-643-034-4.
  • Sobieszek, Robert A., Ghost in the Shell, 2003, MIT Press
  • Delaporte, François. Anatomy of the Passions. Stanford: Stanford University Press, 2008.
  • André Parent, Duchenne De Boulogne: a pioneer in neurology and medical photography in The Canadian journal of neurological sciences. Le journal canadien des sciences neurologiques, vol. 32, nº 3, agosto 2005, pp. 369–77, PMID 16225184.
  • André Parent, Duchenne de Boulogne (1806-1875) in Parkinsonism Relat. Disord., vol. 11, nº 7, novembre 2005, pp. 411–2, DOI:10.1016/j.parkreldis.2005.04.004, PMID 16345141.
  • I M Siegel, Charcot and Duchenne: of mentors, pupils, and colleagues in Perspect. Biol. Med., vol. 43, nº 4, 2000, pp. 541–7, PMID 11058990.
  • J R Bach, The Duchenne de Boulogne-Meryon controversy and pseudohypertrophic muscular dystrophy in Journal of the history of medicine and allied sciences, vol. 55, nº 2, aprile 2000, pp. 158–78, DOI:10.1093/jhmas/55.2.158, PMID 10820967.
  • J M Pearce, Some contributions of Duchenne de Boulogne (1806-75) in J. Neurol. Neurosurg. Psychiatr., vol. 67, nº 3, settembre 1999, p. 322, PMID 10449553.
  • V Jay, On a historical note: Duchenne of Boulogne in Pediatr. Dev. Pathol., vol. 1, nº 3, 1998, pp. 254–5, DOI:10.1007/PL00010897, PMID 10463286.
  • M S George, Reanimating the face: early writings by Duchenne and Darwin on the neurology of facial emotion expression in Journal of the history of the neurosciences, vol. 3, nº 1, gennaio 1994, pp. 21–33, PMID 11618803.
  • S Ostini, [Faradization according to Duchenne de Boulogne (1855)] in Revue médicale de la Suisse romande, vol. 113, nº 3, marzo 1993, pp. 245–6, PMID 8480122.
  • K Borg, The man behind the syndrome: Guillaume Duchenne in Journal of the history of the neurosciences, vol. 1, nº 2, aprile 1992, pp. 145–54, PMID 11618423.
  • K Borg, [The man behind the syndrome: Guillaume Duchenne. The frozen out "country bumpkin" who showed the way for research on neuromuscular diseases] in Lakartidningen, vol. 88, nº 12, marzo 1991, pp. 1091–3, PMID 2016943.
  • H Reincke, Nelson K R, Duchenne de Boulogne: electrodiagnosis of poliomyelitis in Muscle Nerve, vol. 13, nº 1, gennaio 1990, pp. 56–62, DOI:10.1002/mus.880130111, PMID 2183045.
  • K R Nelson, Genain C, Vignette. Duchenne de Boulogne and the muscle biopsy in J. Child Neurol., vol. 4, nº 4, ottobre 1989, p. 315, DOI:10.1177/088307388900400413, PMID 2677116.
  • F Tayeau, [My compatriot: Guillaume Duchenne] in Bull. Acad. Natl. Med., vol. 169, nº 9, dicembre 1985, pp. 1401–12, PMID 3915439.
  • R A Cuthbertson, Duchenne de Boulogne and human facial expression in Clinical and experimental neurology, vol. 21, 1985, pp. 55–67, PMID 3916360.
  • N Roth, Duchenne and the accuracy esthetic in Medical instrumentation, vol. 13, nº 5, p. 308, PMID 388166.
  • J T Hueston, Cuthbertson R A, Duchenne de Boulogne and facial expression in Annals of plastic surgery, vol. 1, nº 4, luglio 1978, pp. 411–20, PMID 365063.
  • D Stillings, Darwin and Duchenne in Medical instrumentation, vol. 9, nº 1, p. 37, PMID 1092967.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 96145465 LCCN: n84803033