Gruppo 47

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il Gruppo 47 fu un movimento culturale nato a Monaco di Baviera nel 1947 e scioltosi nel 1967, di cui facevano parte giovani letterati e scrittori emergenti tedeschi tendenzialmente di sinistra, con l’intenzione di far risorgere la cultura tedesca "ormai dimenticata e repressa dall’intervento nazista".

L'attività produttiva era legata alla rivista Der Ruf, che trattava temi riguardanti una rivoluzione imminente, da parte della "giovane generazione"; le redini, amministrate e gestite dai due fondatori Alfred Andersch e Werner Richter, vengono però indebolite dalla censura statunitense che ne proibisce la pubblicazione: il contenuto delle varie produzioni dell'"assemblea della resurrezione culturale", tratta temi evidentemente troppo realistici per la mentalità preclusa della metà del Novecento, anche se varia con un piacere descrittivo per l'illogicità e lo stravagante che contrastano ampiamente la scuola di pensiero del periodo.

Questo lasso di tempo in cui molti testi vengono oscurati e denunciati dal governo è dimostrato ad esempio dalla mancata autorizzazione alla pubblicazione del libro di Herman Hesse, Il giuoco delle perle di vetro contrastante appunto l'ideologia attuale.

Si deve molto a questo movimento letterario, descritto molto bene da un giudizio di uno dei componenti Peter Bichsel, il quale sottolinea la libertà con la quale si vivevano gli incontri e le letture delle produzioni dei membri, soprattutto in pubblico, e non come venivano giudicate da colleghi o no "Olimpiadi della letteratura"; non erano sfide o combattimenti di pensiero verso tutto e tutti, ma un'espressione letteraria con la collettività, e la consapevolezza che non sarebbero stati snobbati per un'azione così mirata a risvegliare la profondità dell’uomo, sepolta sotto le macerie della seconda guerra mondiale.

Suoi membri sono stati:

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]