Hans Magnus Enzensberger

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
« Sai cosa dice Hans Magnus Enzensberger? Sono d'accordo con lui! »
(Caro diario di Nanni Moretti)
Hans Magnus Enzensberger (Varsavia, 20 maggio 2006)

Hans Magnus Enzensberger (Kaufbeuren, 11 novembre 1929) è uno scrittore, poeta, traduttore ed editore tedesco. Ha scritto anche sotto lo pseudonimo di Andreas Thalmayr e Linda Quilt. Vive a Monaco.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Enzensberger ha condotto studi di letteratura e filosofia presso le università di Erlangen, Friburgo in Brisgovia, Amburgo e alla Sorbona di Parigi, ricevendo un dottorato nel 1955 per una tesi sulla poesia di Clemens Brentano. Fino al 1957 ha lavorato come scrittore radiofonico a Stoccarda. Ha partecipato a diverse riunioni del Gruppo 47. Nel decennio 1965-1975 ha pubblicato la rivista "Kursbuch". Dal 1985 pubblica a Francoforte la prestigiosa collana di libri Die Andere Bibliothek (L'altra biblioteca) che attualmente conta circa 250 titoli. Enzensberger è inoltre il fondatore del mensile TransAtlantik. I suoi libri sono stati tradotti in più di 40 lingue. In Italia è conosciuto, oltre che per essere stato citato in Caro diario di Nanni Moretti (come modello di intellettuale che rifiuta di assoggettarsi al mezzo televisivo), soprattutto per il suo libro per bambini Il mago dei numeri, diventato un best seller anche per gli adulti.

Hans Magnus è il fratello maggiore dello scrittore Christian Enzensberger.

Opere[modifica | modifica sorgente]

In molte delle sue poesie Enzensberger adotta un registro ironico e sarcastico. Per esempio, la poesia "Classe media blues" è composta da un elenco di luoghi comuni tipici della classe media intervallati dalla frase "non ci possiamo lamentare" ripetuta svariate volte, e si conclude con "ma che stiamo aspettando?"

Molte di queste poesie, inoltre, trattano in modo polemico tematiche socio-economiche. Enzensberger ha vissuto molti anni nella Cuba di Fidel Castro. Benché sia principalmente un poeta e un saggista, Enzensberger ha realizzato anche opere teatrali, cinematografiche, radiodrammi, reportage, traduzioni, romanzi e libri per bambini.

Pubblicazioni[modifica | modifica sorgente]

  • Verteidigung der Wölfe, Gedichte, 1957
  • Politik und Verbrechen, Essays, 1964
  • Deutschland, Deutschland unter anderm. Äußerungen zur Politik, 1967
  • Das Verhör von Habana, Prosa, 1970
  • Constituents of a Theory of the Media, 1970
  • Der kurze Sommer der Anarchie. Buenaventura Durrutis Leben und Tod, Prosa, 1972
  • Gespräche mit Marx und Engels, 1970
  • Palaver. Politische Überlegungen, Essays, 1974
  • Mausoleum. 37 Balladen aus der Geschichte des Fortschritts, Gedichte, 1975
  • Der Untergang der Titanic, Versepos, 1978
  • Polit. Brosamen, Essays, 1982
  • Ach, Europa! Wahrnehmungen aus sieben Ländern, Prosa, 1987
  • Zukunftsmusik, Gedichte, 1991
  • Die Tochter der Luft, Drama, 1992
  • Die große Wanderung, Essays, 1992
  • Zickzack, Aufsätze, 1997
  • Wo warst du, Robert?, Roman, 1998
  • Zickzack, Aufsätze, 2000
  • Schreckens Männer. Versuch über den radikalen Verlierer, 2006

Bibliografia (in italiano)[modifica | modifica sorgente]

  • Josefine e io, 2010, Torino, Einaudi, trad. di Valentina Tortelli
  • Hammerstein o dell'ostinazione, 2008, Torino, Einaudi, trad. di Valentina Tortelli
  • Nel labirinto dell’intelligenza, 2008, Torino, Einaudi, trad. di Emilio Picco
  • Storie raccapriccianti di bambini prodigio: sette casi che possono servire da monito agli ignari genitori, 2007, Torino, Einaudi, trad. di Alessandra Montrucchio
  • Che noia la poesia. Pronto soccorso per lettori stressati, 2006, Torino, Einaudi, trad. di Enrico Ganni
  • Il perdente radicale, 2007, Torino, Einaudi, trad. di Emilio Picco
  • Gli elisir della scienza. Sguardi trasversali in poesia e in prosa, 2004, Torino, Einaudi, trad. di Vittoria Alliata
  • introduzione a Una donna a Berlino. Diario aprile-giugno 1945, 2004, Torino, Einaudi, trad. di Palma Severi
  • Esterhazy. Storia di un coniglio, 2002, Torino, Einaudi, trad. di Enrico Ganni
  • Il teatro dell'intelligenza, 2002, Novara, Interlinea, trad. di Anna Maria Carpi
  • Più leggeri dell'aria: poesie morali, 2001, Torino, Einaudi, trad. di Anna Maria Carpi
  • Zig Zag. Saggi sul tempo, il potere e lo stile, 2000
  • Ma dove sono finito? Sette viaggi straordinari nel tempo e nello spazio, 1998, Torino, Einaudi, trad. di Enrico Ganni
  • Politica e crimine. Nove saggi, 1998, Torino, Bollati Boringhieri, trad. di Daniela Zuffellato
  • Il mago dei numeri, 1997, Torino, Einaudi, trad. di Enrico Ganni
  • Musica del futuro, 1997, Torino, Einaudi, trad. di Anna Maria Carpi
  • Abbasso Goethe, 1996, Roma, Donzelli, trad. di Camilla Miglio
  • Prospettive sulla guerra civile, 1994, Torino, Einaudi, trad. di Daniela Zuffellato
  • La figlia dell’aria, 1994, Milano, Garzanti, trad. di Claudio Groff
  • La grande migrazione, 1993, Torino, Einaudi, trad. di Paola Sorge
  • Mediocrità e follia: considerazioni sparse, 1991, Milano, Garzanti, trad. di Emilio Picco
  • Per non morire di televisione, 1990, Milano, Lupetti, trad. di Renato Cristin
  • Ah Europa! Rilevazioni da sette paesi con un epilogo dell’anno 2006, 1989, Milano, Garzanti, trad. di Claudio Groff
  • Dialoghi tra immortali. Morti e viventi, 1989, Milano, SE; 1992, Milano, Mondadori, trad. di Claudio Groff
  • In difesa della normalità e altri scritti, 1988, Milano, SE, trad. di Claudio Groff
  • La furia della caducità, 1987, Milano, SE, trad. di Claudio Groff
  • Sulla piccola borghesia: un ‘capriccio sociologico’, seguito da altri saggi, 1983, Milano, Il Saggiatore, trad. di Laura Bocci
  • La fine del Titanic, 1980, Torino, Einaudi, trad. di Vittoria Alliata
  • Politica e gangsterismo: quattro saggi su criminalità comune e strutture di potere, dalla Chicago degli anni 20 alla Roma degli anni 50, 1979, Roma, Savelli, trad. di Franco Montesanti
  • Mausoleum: 37 ballate tratte dalla storia del progresso, 1979, Torino, Einaudi, trad. di Vittoria Alliata
  • Politica e terrore: le antiche e oscure relazioni tra l’omicidio e l’attività politica, in quattro saggi, 1978, Roma, Savelli, trad. di Franco Montesanti
  • Colloqui con Marx ed Engels, 1977, Torino, Einaudi
  • Palaver. Considerazioni politiche, 1976, Torino, Einaudi, trad. di Anna Maria Marietti o Anna Solmi
  • La breve estate dell'anarchia. Vita e morte di Buenaventura Durruti, 1973, Milano, Feltrinelli, trad. di Renato Pedio
  • Interrogatorio all’Avana, 1971, Milano, Feltrinelli, trad. di Bruna Bianchi e Mario Rubino
  • Letteratura e/o rivoluzione, 1970, Milano, Feltrinelli, trad. di Lapo Berti
  • Questioni di dettaglio. Poesia, politica e industria della cultura, 1965, Milano, Feltrinelli; 1998, Roma, e/o, trad. di Giovanni Piana
  • Poesie per chi non legge poesia, 1964, Milano, Feltrinelli, trad. di Franco Fortini e Ruth Leiser

Premi[modifica | modifica sorgente]

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Premio Principe delle Asturie per la comunicazione e l'umanistica (Spagna) - nastrino per uniforme ordinaria Premio Principe delle Asturie per la comunicazione e l'umanistica (Spagna)
— 2002
Cavaliere dell'Ordine delle Arti e delle Lettere di Spagna (Spagna) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine delle Arti e delle Lettere di Spagna (Spagna)
— 2009[1]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ del Consejo de Ministros: Condecoraciones / Cultura (Junio de 2009).

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 31725760 LCCN: n79148265 SBN: IT\ICCU\CFIV\105433