Grand Combin

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Grand Combin
Grand combin.jpg
Il Grand Combin ed il ghiacciaio di Corbassière visti da nord
Stato Svizzera Svizzera
Cantone Vallese Vallese
Altezza 4.314 m s.l.m.
Catena Alpi
Coordinate 45°56′14.72″N 7°17′57.79″E / 45.937423°N 7.299385°E45.937423; 7.299385Coordinate: 45°56′14.72″N 7°17′57.79″E / 45.937423°N 7.299385°E45.937423; 7.299385
Data prima ascensione 30 luglio 1859
Autore/i prima ascensione C. Sainte Claire de Ville - Daniel, Emanuel e Gaspard Balleys - B. Dorsaz.
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Svizzera
Grand Combin
Mappa di localizzazione: Alpi
Dati SOIUSA
Grande Parte Alpi Occidentali
Grande Settore Alpi Nord-occidentali
Sezione Alpi Pennine
Sottosezione Alpi del Grand Combin
Supergruppo Catena Grand Combin-Monte Velàn
Gruppo Gruppo del Grand Combin
Codice I/B-9.I-B.4

Il Grand Combin, la cui vetta più alta culmina a 4.314 m, si trova nelle Alpi Pennine occidentali, tra la valle di Bagnes e la val d'Entremont, nei territori dei comuni di Bagnes, Liddes e Bourg-Saint-Pierre.

Caratteristiche[modifica | modifica sorgente]

È lontano dagli altri 4000 delle Alpi Pennine, ed è un maestoso massiccio isolato che si erge subito a nord della cresta di confine italo-svizzera, formando un collegamento tra i massicci più elevati delle Pennine e il gruppo del Monte Bianco.

Sono tre le cime principali che compongono la parte sommitale della montagna:

Il Grand Combin visto dal versante italiano. Il Grand Combin de Valsorey si trova a sinistra ed il Grand Combin de Tsessette a destra. Nel mezzo vi è il Grand Combin de Grafeneire.

Il Combin de Grafeneire (4.314 m), è la seconda vetta più alta della Svizzera romanda.

Oltre a queste vette principali possono essere elencate altre vette minori:

Prime ascensioni[modifica | modifica sorgente]

  • Il Combin de Grafeneire fu scalato il 30 luglio 1859 da: C. Sainte Claire de Ville Daniel, Emanuel e Gaspard Balleys, B. Dorsaz.
  • Il Combin de Valsorey il 16 settembre 1872 da: J.H. Isler J. Gilliez.
  • Il Combin de Tsessette il 21 luglio 1894 da: E.F.M. Benecke, H.A. Cohen.[4]

Vie alpinistiche[modifica | modifica sorgente]

Alcune vie di salita del versante nord.

Lungo i vari versanti sono descritte diverse vie alpinistiche di salita:

  • Couloir du Gardien: via del versante nord al Combin de Grafeneire. Si parte normalmente dalla Cabane de Panossière e si risale il lungo Ghiacciaio di Corbassière; arrivati sotto il Grand Combin si attacca il couloir che conduce sulla vetta.
  • Le Corridor: via del versante nord al Combin de Tsessette ed al Combin de Grafeneire (molto pericolosa per la caduta di seracchi). Anche in questo caso si parte dalla Cabane de Panossière e si risale il Ghiacciaio di Corbassière. Le Corridor si presenta come via di salita meno ripida ma molto esposta alla caduta di seracchi dall'alto. Salendolo ci si porta tra il Combin de Tsessette ed il Combin de Grafeneire. Il primo resta poi facilmente raggiungibile mentre per arrivare al secondo occorre ancora superare l'impegnativo Mur de la Côte e poi passare sotto oppure in vetta all'Aiguille du Croissant.
  • Spalla Isler: via del versante sud al Combin de Valsorey. Si parte dal Bivacco Biagio Musso (raggiungibile dalla Cabane de Valsorey oppure dal Rifugio Franco Chiarella all'Amianthe) e si risale la spalla che conduce direttamente in punta al Combin de Valsorey. Da qui passando per la cresta è possibile raggiungere il Combin de Grafeneire.
  • Cresta del Meitin: via del versante ovest al Combin de Valsorey. Si parte dalla Cabane de Valsorey e si risale dapprima verso il Col du Meitin; sopra il colle si attacca la cresta che porta in vetta al Combin de Valsorey.
  • Traversata integrale da ovest verso est: partendo dalla Cabane de Valsorey per la Cresta del Meitin si sale Combin de Valsorey; di qui si raggiunge il Combin de Grafeneire; passando per l'Aiguille du Croissant si raggiunge il Combin de Tsessette ed, infine, passando per la Tour de Boussine si scende verso il Lago di Mauvoisin.

Rifugi alpini[modifica | modifica sorgente]

Per facilitare l'ascesa alla vetta e l'escursionismo di alta quota intorno al monte sono costruiti alcuni rifugi alpini:

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

Il massiccio del Grand Combin è ben visibile da Aosta. Questo fa del capoluogo valdostano l'unica sede amministrativa di livello regionale d'Europa da cui sia possibile ammirare direttamente un 4000 metri.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Si trova in mezzo tra le due di altezza minore.
  2. ^ Si trova ad occidente rispetto alla vetta principale.
  3. ^ Si trova ad oriente rispetto alla vetta principale.
  4. ^ Buscaini, op. cit., p. 253

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Gino Buscaini, Alpi Pennine, vol. I, Guida dei Monti d'Italia, Milano, Club Alpino Italiano e Touring Club Italiano, 1971.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]