Glorifying the American Girl

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Glorifying the American Girl
Glorifying the American Girl (1929) - Title.jpg
Titolo originale Glorifying the American Girl
Lingua originale inglese
Paese di produzione USA
Anno 1929
Durata 96 min
Colore B/N Colore (2-strip Technicolor)
Audio sonoro Mono (Western Electric System)
Rapporto 1,33 : 1
Genere musicale
Regia Millard Webb

John W. Harkrider (scene della rivista) supervisione: Florenz Ziegfeld

Soggetto J.P. McEvoy, Millard Webb
Produttore Monta Bell
Casa di produzione Paramount Pictures
Fotografia George J. Folsey
Scenografia John W. Harkrider
Costumi John W. Harkrider
Interpreti e personaggi
Mary Eaton

Glorifying the American Girl è un film del 1929 diretto da Millard Webb e, per le scene dello spettacolo musicale, da John W. Harkrider: supervisionato da Florenz Ziegfeld, il film presenta un grande show incentrato sulle riviste di Ziegfeld con le sue Follies Girls.

Molte le comparsate e i cameos di personalità artistiche del teatro musicale dell'epoca, da Rudy Vallee a Helen Morgan e Eddie Cantor.
Le canzoni sono state scritte da Irving Berlin, Walter Donaldson, Rudolf Friml, James E. Hanley, Larry Spier e Dave Stamper.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Gloria vorrebbe diventare una Ziegfeld Girl ma, per il momento, deve accontentarsi di lavorare in un negozio di musica dove canta gli ultimi successi, accompagnata al piano da Buddy. Questi è un vecchio amico d'infanzia di Gloria, da sempre innamorato di lei. Ma, quando Danny Miller, un artista di vaudeville, chiede a Gloria di diventare la sua nuova partner, la ragazza acconsente perché così pensa di veder realizzati tutti i suoi sogni. Ma quando i due arrivano a New York, la giovane donna si rende conto che Miller voleva solo portarsela a letto e che pone tale condizione per fare di lei una star. Ciò nonostante, Gloria avrà successo quando verrà scoperta da un talent scout di Ziegfeld.

Produzione[modifica | modifica sorgente]

Il film venne girato a New York negli studi Astoria, prodotto dalla Paramount Pictures. Nelle scene della rivista musicale, ci sono alcuni nudi virtuali, possibili all'epoca perché non era stato ancora adottato il Codice Hays.

Distribuzione[modifica | modifica sorgente]

Il film - presentato da Jesse L. Lasky - fu distribuito dalla Paramount Pictures. Uscì nelle sale statunitensi il 7 dicembre 1929. Distribuito anche all'estero, venne visto anche in Finlandia, dove uscì il 9 febbraio 1931[1].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Date di uscita IMDB

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Richard e Paulette Ziegfeld, The Ziegfeld Touch, Harry N. Abrams, Inc., New York, 1993 ISBN 0-8109-3966-5
  • Randolph Carter, Ziegfeld, The Time of His Life, Bernard Press, London 1988 ISBN 0-951-3557-0 8

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema