George J. Folsey

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

George Joseph Folsey (Brooklyn, 2 luglio 1898Santa Monica, 1º novembre 1988) è stato un direttore della fotografia statunitense.

Biografia e carriera[modifica | modifica wikitesto]

Attivo nel mondo del cinema dal 1915 al 1972, dopo una gavetta come assistente esordì in qualità di direttore della fotografia in His Bridal Night, un film del 1919 diretto da Kenneth S. Webb.

Nella sua carriera, fu direttore della fotografia in 162 pellicole ed è stato candidato 13 volte al Premio Oscar per la miglior fotografia, tra il 1932 e il 1963, senza mai aggiudicarsi il riconoscimento.

Ha lavorato per alcuni tra i più grandi registi di Hollywood, da Vincente Minnelli a George Cukor e Ernst Lubitsch, spaziando nei più svariati generi: dal melodramma de Il figlio conteso (1935) al classico della fantascienza Il pianeta proibito (1956), dal western de La valle della vendetta (1951) al musical di un altro classico quale Sette spose per sette fratelli (1954): negli anni sessanta è stato presente anche sul piccolo schermo, dirigendo alcuni episodi della serie televisiva Il fuggiasco (1963-1967).

Pochi mesi prima della morte gli è stato assegnato l'ASC Award dall'American Society of Cinematographers, di cui era stato presidente tra il 1956 e il '57.

Accreditato come George J. Folsey o solo come George Folsey, è padre di George Folsey, Jr., montatore e produttore cinematografico.

Premi e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

  • 13 Nomination all'Oscar per la Miglior Fotografia (a fianco l'anno dell'edizione dell'Oscar e la categoria, nei casi in cui si distinguono i film in base alla tipologia di fotografia):
    Notturno viennese (1934); L'agente n. 13 (1935); Troppo amata (1937); La parata delle stelle (1944, colore); Le bianche scogliere di Dover (1945, b/n); Incontriamoci a Saint Louis (1945, colore); Anni verdi (1947, b/n); Il delfino verde (1948, b/n); La ninfa degli antipodi (1953, colore); I fratelli senza paura (1954, colore); La sete del potere (1955, b/n); Sette spose per sette fratelli (1955, colore); Il balcone (1964, b/n)

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Direttore della fotografia (parziale)[modifica | modifica wikitesto]

Assistente[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 16232203 LCCN: n85376509