Giovan Francesco Rustici

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando il quasi omonimo pittore, vedi Francesco Rustici.
Scena di combattimento (la Battaglia di Anghiari), Louvre

Giovan Francesco Rustici (Firenze, 1475Tours, 1554) è stato uno scultore italiano.

Biografie e opere[modifica | modifica sorgente]

Di lui si hanno scarse notizie biografiche e quasi tutte provenienti dalla seconda edizione delle Vite di Giorgio Vasari. Secondo lui il Rustici fu allievo di Verrocchio e risentì l'influsso di Leonardo da Vinci, riscontrato anche dalla critica. Forse un'opera nel quale collaborò è la tomba del Cardinale Forteguerri nel Duomo di Pistoia, mentre secondo alcuni è evidente l'influenza leonardesca nel modellato molle e pastoso della Predica del Battista, un gruppo bronzeo che decora l'esterno del Battistero di Firenze completato nel 1509, che forse rivela anche un ascendente michelangiolesco nelle figure muscolose in torsione.

Scarse sono le opere certe, oltre al già citato gruppo del Battista si conoscono:

A partire da alcuni stilemi tipici di queste opere (le dita piatte e squadrate, le chiome a ciocche spioventi, il moderato tenero e quasi "molle") si è risaliti ad una serie di opere che gli vengono attribuite, come:

  • La Madonna col Bambino e san Giovannino, Bargello, Firenze
  • La Sacra Famiglia, Bargello, Firenze
  • Il Noli me tangere, Bargello, Firenze
  • Il San Giovannino, Bargello, Firenze
  • Quattro gruppi in terracotta ispirati alla Battaglia d'Anghiari di Leonardo da Vinci, due al Bargello, uno a Palazzo Vecchio a Firenze e uno al Louvre di Parigi

Nel 1528 si recò a Parigi presso Francesco I, dove rimase anche dopo la morte del re. A questo periodo al palazzo di Fontainebleau, dove operavano anche il Rosso Fiorentino e il Primaticcio, gli vengono attribuite queste opere:

  • Madonna del Louvre
  • Apollo e il Drago, sempre al Louvre
  • Varianti di coperchio di vaso in bronzo, attribuite anche a Benvenuto Cellini, a New York, Collezione Goldman.

Baccio Bandinelli fu suo allievo.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Martina Minning, Giovan Francesco Rustici (1475–1554) – Forschungen zu Leben und Werk des Florentiner Bildhauers. Rhema-Verlag, Münster 2010, ISBN 978-3-930454-84-6.
  • Tommaso Mozzati, Giovanfrancesco Rustici, le Compagnie del Paiuolo e della Cazzuola. Arte, letteratura, festa nell’eta della Maniera, L.S. Olschki, Firenze 2008, ISBN 978-88-222-5725-3
  • Jane Turner (a cura di), The Dictionary of Art. 27, pp. 447–449. New York, Grove, 1996. ISBN 1884446000

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 1101417 LCCN: no2008054757