Gilbert Moses

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Gilbert Moses III (Cleveland, 20 agosto 1942New York City, 15 aprile 1995) è stato un regista statunitense.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Nato a Cleveland, in Ohio, Moses è stato il co-fondatore della Free Southern Theater company, importante compagnia pioniera del teatro afroamericano. [1] Il suo debutto a Broadway nel 1971 con Ain't Supposed to Die a Natural Death gli fece ottenere una nomination al Tony Award ed il Drama Desk Award per il regista più promettente. Nel 1976, insieme a George Faison diresse la coreografia del musical 1600 Pennsylvania Avenue, che chiuse dopo sette rappresentazioni.

I suoi lavori come reglista al di fuori di Broadway gli fruttarono un Obie Award per Slave Ship di Amiri Baraka (1969) e il New York Drama Critics' Circle Award per The Taking of Miss Janie (1975). Tra i suoi lavori per la televisione, si trovano Benson, The Paper Chase, Law & Order, alcuni episodi della serie Radici, e vari telefilm. I suoi unici film sono stati Willie Dynamite (1974) e Basket Music (1979).[1]

Vita privata e morte[modifica | modifica sorgente]

Moses si sposò due volte, con le attrici Denise Nicholas e Dee Dee Bridgewater, ed ebbe due figlie, Tsia e China. Morì di mieloma multiplo a New York City.[1]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c Mel Gussow, Gilbert Moses Is Dead at 52; Award-Winning Stage Director in New York Times, 18 aprile 1995.

Controllo di autorità VIAF: 92229251