Ghazal

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

Il ghazal (غزل) è un componimento poetico nato nel VI secolo dalla prima parte della qasida con il poeta persiano Sana'i di Ghazna. È comune nella poesia urdu e persiana ma il nome indica solo una forma poetica e non è legata ad una lingua specifica. Esistono infatti ghazal in lingua Pashtu, Kashmiri, Gujarati e Marathi, per restare in ambito asiatico, e più recentemente sono stati composti ghazal anche in lingue europee come tedesco e inglese.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Con l'influenza culturale dei sultanati arabi e della mistica sufi, nel XII secolo il ghazal si diffuse nell'Asia meridionale e divenne una forma poetica classica delle lingue persiana e urdu. Nel XIX secolo, con l'influenza di Johann Wolfgang von Goethe, divenne inoltre popolare in Germania e venne in seguito utilizzato da Friedrich Rückert e August von Platen.

Forma[modifica | modifica wikitesto]

Il ghazal si distingue per alcune caratteristiche:

  • Si compone di cinque o più distici;
  • Il secondo verso di ogni distico finisce con una sorta di ritornello composto di poche parole e noto come radif che viene preceduto da una rima nota come qaafiyaa. Nel primo distico, che introduce il tema, entrambi i versi hanno la stessa rima e il radif, cosicché lo schema delle rime nel ghazal si può rappresentare in questo modo: AA BA CA DA eccetera.
  • Non possono esserci enjambement tra i distici, di modo che ogni distico deve contenere una frase (o più frasi) di senso compiuto.
  • Ogni verso deve avere lo stesso metro

Nella moderna poesia sono stati composti alcuni ghazal che non seguono tutte le restrizioni della forma classica, anche se mantengono l'uso della qaafiyaa e, normalmente, del radif. Nelle lingue asiatiche meridionali esistono anche ghazal senza radif, noti come "ġair-muraddaf".

Temi[modifica | modifica wikitesto]

La radice araba gh z l indica discussione, amore. Gli argomenti affrontati sono infatti quelli amorosi, specialmente legati al tema dell'amore proibito, ma anche quelli erotici, anacreontici, naturalistici (amore, vino, feste, natura).

Autori di ghazal[modifica | modifica wikitesto]

Tra i più celebri autori di ghazal vanno ricordati i persiani Gialal al-Din Rumi (XIII secolo) e Hafez (vissuto nel XIV secolo e riconosciuto come il più grande esponente di questa forma poetica), l'azero Fuzûlî, gli indiani Mirza Ghalib e Muhammad Iqbal

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

In Iran c’è la consuetudine di rivolgersi ad Hafez come ad un oracolo: aprendo a caso il libro dei suoi Ghazal si leggono alcuni versi nella convinzione che aiuteranno a riflettere sulla propria situazione. Presso la tomba del poeta, a Shiraz, ci sono delle persone che per mestiere fanno questo tipo di consultazioni.