George du Maurier

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
George du Maurier, autoritratto

George du Maurier, nato George Louis Palmella Busson du Maurier (Parigi, 6 marzo 1834Londra, 8 ottobre 1896), è stato un illustratore e scrittore inglese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio di padre francese e madre inglese, praticò il proprio apprendistato artistico a Parigi presso lo studio di Charles Gleyre (1856-7), tra i cui allievi vi furono artisti del calibro di Monet, Renoir, Sisley Poynter e Whistler.

Nel 1857 improvvisamente perse la vista da un occhio e ciò lo persuase ad abbandonare la pittura e rivolgersi all’illustrazione. Illustrò diversi libri, ma è noto soprattutto per il suo lavoro per la rivista satirica Punch. Dopo la morte di John Leech nel 1864, divenne il principale vignettista sociale delle riviste britanniche e sono degne di nota le sue satire sullo snobismo e l’ambizione artistica di personaggi come Mrs Cimabue Brown.

Tuttavia, verso il 1880 la sua opera perse qualità (in parte perché stanco della routine e in parte per lo sforzo a cui costringeva la sua vista limitata). Aveva iniziato a dedicarsi alla scrittura componendo versi umoristici verso il 1860, e negli ultimi anni divenne un romanziere di successo. Il più noto dei suoi tre romanzi, che illustrò tutti lui stesso, è Trilby (1894), che richiama la sua esperienza di studente d’arte a Parigi; uno dei principali personaggi è basato sulla figura di Fred Walker.

Suo figlio Sir Gerald du Maurier fu un noto manager di attori, mentre la scrittrice Dame Daphne du Maurier era sua nipote.

Opere[modifica | modifica wikitesto]


Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 10144 LCCN: n50074501