Francesco Racanelli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Francesco Racanelli (Sannicandro di Bari, 1904Firenze, 1977) è stato un medico, scrittore e pranoterapeuta italiano,[1] inventore di una terapia non convenzionale da lui chiamata la "medicina bioradiante".

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Francesco Racanelli nacque nel 1904 a Sannicandro di Bari, in Puglia. Credeva di possedere un’energia curativa che lui chiamava “bioradiante”, e nell'esistenza di un "fluido vitale ... una energia emanante da persone particolarmente dotate".[2] Fu accusato dal Consiglio dell’Ordine dei Medici di esercizio illegale della professione medica. Fu assolto. Per evitare ulteriori problemi legali studiò medicina[3] e si laureò medico. Esercitò congiuntamente le attività di medico e di docente a Firenze. Durante la liberazione di Firenze, curò i feriti per le strade della città.[4] Morì a Firenze nel 1977, recluso e praticamente in anonimato.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Francesco Racanelli scrisse diversi libri, di cui alcuni sono stati tradotto in francese e in tedesco.

  • Francesco Racanelli, Il dolore e la sua medicina, Firenze, Giannini & Giovannelli, 1939, OCLC 632666065.
  • Francesco Racanelli, Terra di nessuno, terra per tutti, F. Le Monnier, 1948, OCLC 122438578.
  • Francesco Racanelli, Il dono della guarigione, Vallecchi [1948?-1949? OCLC 14662117], 1950, OCLC 633988784.
  • Francesco Racanelli, Medicina bioradiante, Vallecchi, 1951, OCLC 14649906.
  • Francesco Racanelli, L'uomo agente terapeutico, 21 p., 1970, OCLC 800991317.
  • Francesco Racanelli, La via dell'amore, 7 p., 1971, OCLC 800991412.
  • Francesco Racanelli, Natura e anime, Vallecchi, 1977, OCLC 3849053. Nove racconti 1945–1975.[5]
  • Francesco Racanelli, L’altra medicina, 3ª ed., Vallecchi, 1978, OCLC 4777902.

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Scheda di autorità. SBN=IT\ICCU\SBLV\014309, Istituto Centrale per il Catalogo Unico delle biblioteche italiane e per le informazioni bibliografiche, 12 marzo 2007. URL consultato il 24 giugno 2013.
  2. ^ Gennaro Escobedo, La giustizia penale, vol. 59, Città di Castello, 1954.
  3. ^ Bollettino di psicologia applicata, n° 153-157, 1980, pp. 109, 159.
  4. ^ Alberto Marcolin, Firenze, 1943-45, anni di terrore e di fame, fascisti e antifascisti, addio camicia nera, 290 p., Ed. Medicea, 1994, p. 89.
  5. ^ Arnaldo Cherubini, Medici scrittori d’Europa e d’America, Antonio Delfino Editore, 1990, p. 73, OCLC 427519055.


Controllo di autorità VIAF: 32504514 SBN: IT\ICCU\SBLV\014309