Fortune Global 500

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La classifica Fortune Global 500 è una lista dei primi 500 gruppi economici mondiali, stilata in base al fatturato. La lista è compilata e pubblicata ogni anno dalla rivista Fortune.

Fino al 1989 conteneva solo nomi di aziende non americane, sotto il titolo "International 500", mentre Fortune 500 contiene tuttora nomi di aziende USA. Nel 1990 furono aggiunti anche gruppi statunitensi, così da avere una lista delle aziende a livello mondiale, a seconda delle vendite. Nel 2005, oltre il 90 per cento delle maggiori aziende mondiali aveva il proprio quartier generale in Europa (195), negli Stati Uniti (176) e in Giappone (80).[1]

Dal 1995 la lista Fortune comprende anche società del settore finanziario e, in genere, dei servizi.

Classifica Fortune Global 2013[modifica | modifica sorgente]

La classifica è stata pubblicata da Fortune sul proprio sito internet ed è apparsa sul numero dell'8 luglio 2013.

Quella seguente è la lista delle 10 compagnie maggiori. È una lista basata sulle compagnie il cui anno fiscale è terminato prima o il 31 marzo 2013.[2]

Posizione Compagnia Paese Settore Revenue in US$
1 Royal Dutch Shell Paesi Bassi
Regno Unito
Petrolio $481.7 miliardi
2 Walmart Stati Uniti Grande distribuzione $469.2 miliardi
3 ExxonMobil Stati Uniti Petrolio $449.9 miliardi
4 Sinopec Cina Petrolio $428.2 miliardi
5 China National Petroleum Corporation Cina Petrolio $408.6 miliardi
6 BP Regno Unito Petrolio $388.3 miliardi
7 State Grid Corporation of China Cina Energia $298.4 miliardi
8 Toyota Giappone Automobili $265.7 miliardi
9 Volkswagen Germania Automobili $247.6 miliardi
10 Total Francia Petrolio $234.3 miliardi

Fortune ha considerato Shell come una compagnia dei Paesi Bassi nelle classifiche degli anni precedenti ma a partire dal 2013 è considerata come anglo-olandese.

Classifica per profitto[modifica | modifica sorgente]

Posizione Compagnia Paese Profitto in USD
1 ExxonMobil Stati Uniti $44.9 miliardi
2 Apple Stati Uniti $41.7 miliardi
3 Gazprom Russia $38.1 miliardi
4 Industrial and Commercial Bank of China Cina $37.8 miliardi
5 China Construction Bank Cina $30.6 miliardi
6 Volkswagen Germania $27.9 miliardi
7 Royal Dutch Shell Paesi Bassi
Regno Unito
$26.6 miliardi
8 Chevron Stati Uniti $26.2 miliardi
9 Agricultural Bank of China Cina $23.0 miliardi
10 Bank of China Cina $22.1 miliardi

Classifica per paese[modifica | modifica sorgente]

Questa è la top 10 dei paesi con il maggior numero di compagnie nella classifica Fortune Global 500.[3]

Posizione Paese Compagnie
1 Stati Uniti 132
2 Cina 89
3 Giappone 62
4 Regno Unito 37
5 Francia 31
6 Germania 29
7 Paesi Bassi 22
8 Svizzera 14
Corea del Sud 14
10 Canada 9

La classifica Global 500 include 11 compagnie sotto la denominazione anglo-olandese. Queste compagnie vengono conteggiate per entrambi i paesi.

Italia nel 2013[modifica | modifica sorgente]

Nel 2013 sono 8 le aziende comprese in questa lista. Di queste, tre sono bicefale, ossia hanno una doppia sede legale e amministrativa. La città più rappresentativa è Roma, a capo di 5 aziende (due delle quali bicefale). Segue Milano con 3 aziende (due di queste bicefale), 2 aziende a Torino (una con doppia sede) e poi Trieste con 1. Complessivamente l'Italia è all'undicesimo posto della lista mondiale, prima se considerata come parte dell'Unione Europea.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ PDF-Human Rights Policies and Management Practices: Results from questionnaire surveys of Governments and Fortune Global 500 firms. URL consultato il 6 marzo 2008.
  2. ^ Global 500 in Fortune. URL consultato l'8 luglio 2013.
  3. ^ Global 500 2013 in Fortune. Number of companies data taken from the "Country" box.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]