Ferodo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ferodo
Stato Regno Unito Regno Unito
Fondazione 1897
Fondata da Herbert Frood
Sede principale Bradford
Gruppo Federal-Mogul
Settore automotive
Prodotti sistemi frenanti
Sito web www.ferodo.co.uk

Ferodo è un'azienda meccanica inglese.

È una delle aziende più conosciute per quanto riguarda i materiali d'attrito, al punto che il materiale d'attrito viene spesso chiamato, in gergo comune, ferodo.[1] Sebbene il nome possa sembrare italiano la Ferodo è una società nata in Inghilterra. Fondata da Herbert Frood nel 1897 è stata la prima società al mondo completamente dedicata alla progettazione e alla produzione di materiali d'attrito in particolare per i freni. Il nome dell'azienda deriva dall'anagramma, con l'aggiunta di una "e", del cognome del suo fondatore.[1] La Ferodo ha impianti produttivi in 24 paesi. È entrata nel 1998 a far parte del gruppo Federal-Mogul.

Storia dei materiali d'attrito[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Attrito.

In epoca pre-industriale, Leonardo da Vinci fu il primo a studiare la confregazione e a distinguere tra i diversi tipi di attrito: radente (o di strisciamento) e volvente (o di rotolamento).[2]

Nel 1897 inizia l'epoca dei materiali d'attrito industriali: a Chapel-en le Frith, in Inghilterra, il tecnico autodidatta Herbert Frood fonda la Herbert Frood Company nella periferia di Manchester e inizia a sperimentare metodi frenanti per i veicoli a motore basati sull'attrito radente.

All'epoca i sistemi frenanti erano realizzati con ganasce azionate da leve o manovelle che stringevano ceppi di legno sulle ruote provocando un rallentamento del veicolo, ma gli svantaggi del metodo erano evidenti: l'usura del materiale delle ruote[3] nonché la bassa capacità frenante dei ceppi di legno, tra l'altro eccessivamente sensibili alle condizioni atmosferiche.[4]

Questi sistemi approssimativi vennero superati da Frood, che dopo alcuni tentativi riuscì ad ottenere risultati più soddisfacenti con cinghie di cotone fatte indurire imbevendole di oli minerali; brevettò questo sistema di ceppi induriti di materiali fibrosi nel 1901. Si trattava ancora di attrito radente, ma con un migliore coefficiente di frizione.[5]

L'epoca dell'amianto[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Amianto.

L'azienda di Frood diventò sempre più importante man mano che si sviluppava il settore automobilistico, e nel 1912 brevettò un nuovo sistema d'attrito basato su materiali tessili, fibre di amianto e composti chimici. L'ottima prestazione dell'asbesto, materiale già conosciuto ed elogiato nell'antichità, era dovuta anche alla proprietà di surriscaldarsi a temperature molto elevate senza incendiarsi o lesionarsi.

Nel 1920 La Herbert Frood Company prese ufficialmente il nome di Ferodo Ltd., anagramma del nome Frood, e nei decenni a seguire divenne così popolare che il nome dell'azienda prese ad essere usato come nome comune e sinonimo del prodotto, fino a diventare sinonimo di tutti i materiali d'attrito.[6]

Risalgono probabilmente al XX secolo le definizioni tuttora presenti in alcuni dizionari che indicano il feròdo come «particolare tessuto di amianto molto resistente all'usura e alle variazioni di temperatura, che si usa nelle guarnizioni dei freni e della frizione dell'automobile.» [7]

Il successo commerciale dell'amianto e le sue provate qualità fecero sì che si continuasse ad usare questo materiale in molti settori fino ad epoche recenti, quando i rischi per la salute divennero evidenti e le normative restrittive.[8]

In Italia, la legge fondamentale è la Legge 257 del 27 marzo 1992, “Norme relative alla cessazione dell’impiego dell’amianto”.[9] Già nel 1982 il Decreto del presidente della Repubblica n.904 accoglieva la direttiva comunitaria n. 76/769 per attuare le «restrizioni all’immissione sul mercato e all’uso sul territorio nazionale delle sostanze e dei preparati pericolosi elencati nell’allegato», tra cui l'amianto. L'ultimo aggiornamento della lista risale al Decreto del Ministero della Salute del 18 giugno 2004, in ricezione della Direttiva 2003/36/CE.

Grazie alle normative e agli investimenti in nuove tecnologie non vengono più prodotti materiali d'attrito con l'amianto, anche se lo smantellamento sistematico dello stesso tarda ad arrivare.[10]

Nuovi materiali[modifica | modifica sorgente]

L'azienda Ferodo è dal 2005 marchio leader nel settore della produzione di materiali d'attrito inorganici per il settore racing.[11]

I materiali d'attrito attualmente in uso sono composti in varia misura da aramide, resina, ceramica, ossido di alluminio, grafite e carbone. [senza fonte]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Treccani.it - Vocabolario on line
  2. ^ Fonte: sito uffiicale del Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia Leonardo da Vinci, Rulli per lo studio dell'attrito. Leonardo fu anche l'inventore del cuscinetto a sfere [1].
  3. ^ Le ruote dovevano essere ricoperte di legno di olmo o di pioppo, cuoio, feltro, pelle di cammello, o ferro per ridurne l'usura. [2]
  4. ^ La storia del ferodo su www.enciclopediadellautomobile.com
  5. ^ (EN) [3]
  6. ^ Lo stesso processo sociolinguistico che porta il nome di un inventore o di un'azienda a diventare nome d'uso comune per metonimia è alla base, per esempio, anche di quanto accaduto alle parole biro, kleenex e fernet.
  7. ^ Definizione in Massimo Castoldi e Ugo Salvi, Parole per ricordare. Dizionario della memoria collettiva, Zanichelli, 2003 ISBN 88-08-08878-2
  8. ^ Norme in Italia sul sito del Ministero della Salute.
  9. ^ La legge dice che «sono vietate l'estrazione, l'importazione, l'esportazione, la commercializzazione e la produzione di amianto, di prodotti di amianto o di prodotti contenenti amianto.» (Estratto dell'Articolo 1, comma 2), tra i quali figurano «c) guarnizioni di attrito per veicoli a motore, macchine e impianti industriali (un anno dalla data di entrata in vigore della presente legge) d) guarnizioni di attrito di ricambio per veicoli a motore, veicoli ferroviari, macchine e impianti industriali con particolari caratteristiche tecniche (due anni dalla data di entrata in vigore della presente legge)» (Estratto della Tabella prevista dall'articolo 1, comma 2 della legge, la quale elenca i materiali) [4]
  10. ^ Articolo su Il Sole 24 Ore di Sergio Clarelli, Presidente di Assoamianto.
  11. ^ [5] La società che era passata prima nel gruppo T&N, è ora marchio della Federal Mogul.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]