Ezio Cecchi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ezio Cecchi
Dati biografici
Nazionalità bandiera Italia
Ciclismo Cycling (road) pictogram.svg
Dati agonistici
Specialità Strada, pista
Ritirato 1951
Carriera
Squadre di club
1934 Individuale
1935-1941 Gloria Gloria
1946 Ricci Ricci
Centro Sportivo Italiano
1947 Welter Welter
1948-1950 Cimatti
1951 Individuale
 

Ezio Cecchi (Castelmartini, 11 maggio 1913Monsummano Terme, 19 agosto 1984) è stato un ciclista su strada italiano. Professionista tra il 1934 ed il 1951, partecipò a undici edizioni del Giro d'Italia.

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Corse per la Gloria, la Welter e la Cimatti, distinguendosi come scalatore. Era soprannominato "Lo scopino di Monsummano", per l'attività che praticava con la famiglia prima di dedicarsi al ciclismo, quella di produzione di scope di saggina.[1] Ottenne numerosi piazzamenti, concludendo sei edizioni del Giro d'Italia tra i primi dieci, su undici partecipazioni totali.

Fu secondo nel Giro del 1938 (a 8'47" da Giovanni Valetti) e in quello del 1948 (a 11" da Fiorenzo Magni). Riguardo a quest'ultimo piazzamento, va ricordato che Cecchi - maglia rosa con circa cinque minuti di vantaggio su Magni - forò e cadde nella discesa che portava al traguardo dell'ultima tappa di montagna. Fu quindi attaccato da un gruppetto di corridori ben decisi ad approfittare di quel suo incidente e perse la corsa.[senza fonte]

Gli altri suoi piazzamenti nella Corsa Rosa furono il quarto posto nel 1947, il sesto nel 1940, il settimo nel 1946 e l'ottavo nel 1935. Altri piazzamenti prestigiosi furono i secondi posti al Giro del Lazio nel 1938 (dietro Cesare Del Cancia), alla Coppa Placci nel 1946 (dietro Nedo Logli) ed alla Milano-Sanremo nel 1947 (dietro Gino Bartali).

Piazzamenti[modifica | modifica sorgente]

Grandi Giri[modifica | modifica sorgente]

1935: 8º
1936: 15º
1937: 20º
1938: 2º
1939: 32º
1940: 6º
1946: 7º
1947: 4º
1948: 2º
1949: 34º
1950: 17º

Classiche monumento[modifica | modifica sorgente]

1935: 21º
1936: 11º
1940: 54
1946: 32
1947: 2º
1948: 32º
1949: 58º
1934: 24º
1946: 12º
1947: 28º
1948: 19º

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Marco Pastonesi, Modena, Giro 1940 Fausto diventa Coppi in www.gazzetta.it, 17 novembre 2009. URL consultato il 9 giugno 2011.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]