Esercito cattolico e reale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Esercito cattolico e reale
Bandiera dell'Esercito cattolico e reale
Bandiera dell'Esercito cattolico e reale
Descrizione generale
Attivo 1793 - 1815
Nazione "Vandea Militare"
Tipo Esercito
Motto Dieu Le Roi (Dio [è] il Re)
Colori Bianco
Battaglie/guerre Guerre di Vandea
Comandanti
Comandanti degni di nota Jacques Cathelineau,
François-Athanase Charette de La Contrie,
Henri de La Rochejaquelein,
Louis de La Rochejaquelein
Simboli
Simbolo CuoreVandea2.svg

[senza fonte]

Voci su unità militari presenti su Wikipedia

L'Esercito cattolico e reale era un esercito che combatté le Guerre di Vandea.

L'esercito[modifica | modifica sorgente]

Come si evince dal nome stesso, era formato da quei francesi contrari alla rivoluzione e che invece sostenevano la monarchia, in particolare era composto da contadini della cosiddetta "Vandea Militare", che è composta dai dipartimenti della Vandea, Loira Atlantica, Maine e Loira e Deux-Sèvres, che scelsero i loro capi tra la nobiltà francese che non era emigrata in altri stati, per paura di venire catturati e uccisi, ma che rimase in Francia per cercare di ristabilire la monarchia.

L'Esercito cattolico e reale, nacque il 4 aprile 1793, in seguito alla riunione dei principali capi vandeani avvenuta a Chemillé, in seguito alla quale venne scelto come comandante in capo (che verrà chiamato "generalissimo") Jacques Cathelineau.

I capi[modifica | modifica sorgente]

I principali capi militari furono: Jacques Cathelineau, François-Athanase Charette de La Contrie, Charles Melchior Artus de Bonchamps, Maurice-Louis-Joseph Gigot d'Elbée, Louis Marie de Lescure, Henri du Vergier de La Rochejaquelein, Jean Nicolas Stofflet, Jacques Nicolas Fleuriot de La Fleuriais, Charles Sapinaud, Louis du Vergier de La Rochejaquelein, Auguste de La Rochejaquelein (entrambi fratelli di Henri de La Rochejaquelein), Charles d'Autichamps.

Il simbolo[modifica | modifica sorgente]

Simbolo dell'armata controrivoluzionaria

Il simbolo era un cuore sormontato da una croce rossa su campo bianco a simboleggiare il Sacro Cuore di Gesù e Maria a cui i vandeani erano particolarmente devoti grazie alla predicazione di San Luigi Maria Grignion de Montfort, inoltre richiamava anche lo stemma della Vandea (in quanto è formato da due cuori rossi (quelli di Gesù e Maria) sormontati da una corona che termina con una croce, che rappresentare la regalità di Cristo). Il motto era "Dieu Le Roi" che significa "Dio [è] il Re".

La diffusione[modifica | modifica sorgente]

Esercito cattolico e reale della Bretagna[modifica | modifica sorgente]

Armata creata da Joseph de Puisaye, dall'associazione bretone di Charles Armand Tuffin, per unificare le differenti divisioni di chouani. Il 15 ottobre 1794, Puisaye fu nominato tenente generale dell'Esercito cattolico e reale della Bretagna dal conte Charles di Artois, futuro Carlo X, re di Francia. Si stima che i suoi soldati fossero 30.000 o 40.000.

Esercito cattolico e reale della Normandia[modifica | modifica sorgente]

Era un'armata creata da Louis de Frotté, forma anch'essa da chouani, ma anche da protestanti. Il suo territorio era delimitato da Orne al sud della Manica, e nel Maine solo in alcune zone a nord di Mayenne. Si stima che i suoi soldati fossero 5.000 o 10.000.

Le armate[modifica | modifica sorgente]

Esercito cattolico e reale della Vandea (marzo-giugno 1793)[1]:

Esercito cattolico e reale della Vandea (luglio-ottobre 1793):
Generalissimo: Jacques Cathelineau, poi Maurice d'Elbée
Maggior generale: Jean Nicolas Stofflet
Generale di cavalleria: Antoine de Talmont e Henri Forestier
Generale di artiglieria: Bernard de Marigny

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Pierre Victor Jean Berthre de Bournisseaux, Histories des Guerres de la Vendée et des Chouans, tomo I, pag. 280

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]