Chouan

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Esempio di soldato dei Chouan
Soldati chouan proteggono una parrocchia

Chouan (o Chouani), è il nome che presero gli insorti del dipartimento della Mayenne o più in generale di tutta la zona nord-occidentale della Francia. Il nome deriva dai capi che li comandavano, i quattro fratelli Chouan, che era il soprannome di Jean Cottereau (il primo che cominciò l'insurrezione) e dei suoi tre fratelli: François, Pierre, René. Combatterono le Guerre di Vandea a fianco dell'Esercito Cattolico e Reale, e la cosiddetta "Chouannerie", una guerra contro-rivoluzionaria identica alla guerra di Vandea, con la differenza che riguardava i dipartimenti della Bretagna, della Mayenne e della Normandia.

Jean Chouan ereditò, come pure tutti i suoi altri fratelli, il soprannome di "chouan" (il silenzioso) da suo padre, un commerciante di scarpe. Si pensa che questo soprannome sarebbe nato dall'abilità di imitare il particolare verso della civetta o del gufo ("chouan" significa "gufo" in gallo). Un'altra ipotesi è che la famiglia Cottereau portasse questo soprannome perché il nonno dei quattro fratelli era sempre triste e silenzioso.

L'opinione di alcuni storici, e in particolare dell'abat Paulouin, che scrive un libro sull'insurrezione degli Chouan dal titolo "La Chouannerie du Maine et pays adjacents", è che: "gli insorti del Sarthe non avevano ricevuto il soprannome di Chouan, ma lo avevano dato a sé stessi, fin dall'inizio della loro insurrezione".

Gli storici del XIX secolo, Savary, Lequinio e soprattutto Joseph de Puisaye, che era la persona più informata, poiché era il capo supremo della Chouannerie, affermano che i fratelli Chouan diedero il loro nome alla insurrezione che avevano organizzato per primi.

I più importanti capi Chouani furono: Jean Chouan (o Jean Cottereau), Joseph de Puisaye, Georges Cadoudal, Marie Paul de Scépeaux de Bois-Guignot, Aimé Picquet du Boisguy, Louis de Frotté, Louis Auguste Victor de Ghaisne de Bourmont, Jean-Louis Treton.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]