Ernesto Rossi (attore)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ernesto Rossi

Ernesto Rossi (Livorno, 27 marzo 1827Pescara, 4 giugno 1896) è stato un attore teatrale italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Debuttò nel 1845 nella compagnia Calloud, dove conobbe Gustavo Modena, che gli fu prezioso maestro. Nel 1852 entrò a far parte della Compagnia Reale Sarda, partecipando anche ad alcune tournée a Parigi nel 1855, a fianco di Adelaide Ristori e al cugino di quest'ultima Luigi Bellotti Bon.

Ormai attore affermato, poté dedicarsi ad un progetto lungamente sognato: scegliere, cioè, un repertorio shakespeariano con l'intento di avvicinare il pubblico al celeberrimo autore. Nella sua lunga carriera teatrale fu un appassionato Romeo, un malinconico Amleto, un violento Otello, un tormentato Macbeth. L'amore per il teatro di Shakespeare lo indusse ad uno studio attento e profondo; scrisse saggi di analisi interpretativa e tenne numerose conferenze.

Fornito di una solida preparazione culturale e di viva intelligenza, fu attore di grande fascino dalla figura prestante ed elegante, dalla voce calda e melodiosa. Famoso in Italia e all'estero (recitò anche negli Stati Uniti d'America), fu considerato un interprete romantico, anche se, per il suo temperamento, rischiò di sacrificare talvolta le sfumature dei personaggi interpretati.

Durante una tournée a Odessa nel 1896, mentre recitava Re Lear, fu colto da malore. Rientrato in Italia, morì dopo pochi mesi a Pescara, nel letto dell'albergo «Il Rinnovamento», dove alloggiava.

A Pisa gli è stato dedicato un teatro: il Teatro Ernesto Rossi (chiuso da decenni, ancora in attesa di una ristrutturazione definitiva, ma intanto "aperto" dai lavoratori dello spettacolo e della conoscenza il 27 settembre 2012).

Il suo particolare metodo di studio dei vari personaggi che avrebbe interpretato, tramite l'invenzione di un plausibile passato del personaggio e tramite lo studio di tutte le condizioni che avrebbero potuto influire su di lui (cultura, tempo atmosferico dei luoghi dove vive, stato sociale, politico del luogo dove vive, tradizioni di cui avrebbe potuto essere partecipe ecc.) colpirono Kostantin Stanislavskij, e fu proprio dopo un lungo ed approfondito colloquio con Rossi che il russo scrisse i suoi saggi sull'interpretazione dei personaggi. Si può dunque dire che furono Kostantin Stanislavskij e il livornese a creare quella che è una delle tecniche più usate da ogni attore del mondo.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 30333977 LCCN: n84135225 SBN: IT\ICCU\NAPV\053961